Apple, no a violenza e sesso in show tv

Cook ha bocciato serie su Dr. Dre. Mela vuole tutelare immagine

Per la sua scalata al mercato dell'intrattenimento, Apple vuole contenuti audiovisivi di qualità elevata, con personaggi noti e di vasto appeal, ma senza sesso gratuito, oscenità e violenza che possano sporcare l'immagine dell'azienda. A metterlo in evidenza è il Wall Street Journal, secondo cui il Ceo Tim Cook in persona avrebbe bocciato uno show basato sulla vita di Dr. Dre dove comparivano armi, strisce di coca e un'orgia.
    Come riportato dallo stesso quotidiano un anno fa, Apple avrebbe stanziato un miliardo di dollari per produrre contenuti audiovisivi originali nel 2018, entrando così in un'arena presidiata da Netflix, Hulu e Amazon. La strategia, tuttavia, sarebbe diversa rispetto a quella delle aziende con cui la compagnia di Cupertino si trova a competere. Netflix, ad esempio, deve il suo successo iniziale a serie come "House of Cards" e "Orange Is the New Black", che fanno uso di un linguaggio ruvido e non lesinano sul sesso.
    Apple - scrive ancora il Wsj - ha già rimandato per due volte il lancio dei suoi primi contenuti audiovisivi, spostandolo da marzo alla fine di quest'anno. Secondo alcune indiscrezioni, la data potrebbe essere spostata ancora più avanti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA