Facebook chiude account del capo militare birmano

Presi di mira 20 soggetti 'per prevenire odio e disinformazione'

Il capo delle forze armate della Birmania è tra i 20 individui e organizzazioni che Facebook ha annunciato di volere bandire dal suo sito al fine di "prevenire la diffusione di odio e disinformazione".

L'iniziativa è stata decisa dopo che il gigante dei social media è stato criticato per essere stato usato per infiammare il conflitto etnico e religioso nel Paese, in particolare contro i musulmani Rohingya.

Facebook ha spiegato di avere preso di mira pagine e account che sostenevano di fornire notizie e opinioni indipendenti, mentre promuovevano segretamente i messaggi dell'esercito del Myanmar.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA