FB alimenta la violenza contro migranti

Legame tra uso del social e crimini contro rifugiati in Germania

   Facebook alimenta la violenza di matrice razziale. E' quanto sembra dimostrare uno studio condotto in Germania dai ricercatori dell'università di Warwick, che evidenziano una correlazione diretta tra uso del social e attacchi contro i migranti.
    Nella ricerca, ripresa dal New York Times, gli esperti hanno analizzato tutti i 3.335 attacchi contro i rifugiati che si sono registrati in Germania nell'arco di due anni. Le comunità locali in cui si sono verificati gli episodi di violenza sono state esaminate secondo vari fattori considerati rilevanti, tra cui i dati socio-demografici, il benessere, le vendite di quotidiani, il sostegno a politiche di estrema destra, la storia dei crimini d'odio, il numero di rifugiati e di proteste.

Ne è emerso un legame tra gli attacchi e un uso di Facebook superiore alla media. "Abbiamo dimostrato che gli umori anti-rifugiato di destra su Facebook predicono crimini violenti contro i rifugiati nei comuni con un maggiore utilizzo dei social media", scrivono i ricercatori, secondo cui i risultati dello studio "suggeriscono che i social media possono fungere da meccanismo di propagazione tra l'incitamento online all'odio i crimini violenti nella vita reale".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA