Twitter: Dorsey, basta odio e fake news

Social testa sistemi per promuovere punti di vista alternativi

L'amministratore delegato di Twitter, Jack Dorsey, sta ripensando parti centrali del social network, in modo da porre una freno alla diffusione di discorsi di incitamento all'odio, molestie e notizie false, comprese le teorie complottiste condivise da utenti noti, come gli statunitensi Alex Jones e Infowars. In un'intervista rilasciata al Washington Post, Dorsey ha spiegato che sta sperimentando nuovi sistemi per promuovere, sulla timeline di Twitter, punti di vista alternativi contro la disinformazione.

L'imprenditore ha anche aperto all'uso dei bot, cioè di account automatizzati, e a ridisegnare elementi chiave dei social come il tasto "like" e il modo in cui sono visualizzati i follower degli utenti. Negli ultimi mesi Twitter ha introdotto una serie di cambiamenti per promuovere sicurezza e fiducia. Fra questi, la lotta agli account falsi: tra maggio e giugno ha sospeso 70 milioni di account sospettati di propagare fake news.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA