Investitore FB accusa, menti sono state 'zuckerate'

Lo dice Roger McNamee a pochi giorni da critiche Sean Parker

ROMA - Facebook ha "alterato" le menti della gente a colpi di disinformazione. L'ultima accusa al social network arriva da Roger McNamee, tra i primi investitori nella società di Mark Zuckerberg.
In un'intervista alla Cnbc, McNamee ha commentato il Russiagate e i dati diffusi nei giorni scorsi da Facebook, secondo cui 150 milioni di statunitensi nel periodo delle elezioni presidenziali avrebbero visto i post divisivi pubblicati da una "fabbrica di troll" russa.

"Tutte queste persone sono state 'zuckerate'", ha detto McNamee. "I loro cervelli sono stati alterati e sono arrivate a credere a cose non vere. Voglio che Facebook contatti ognuna di loro". Le parole di McNamee arrivano a pochi giorni di distanza da quelle di Sean Parker, presidente di Facebook agli esordi dell'azienda, secondo cui i social media "approfittano delle vulnerabilità della psicologia umana" con un meccanismo che crea dipendenza come una droga.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA