Referendum: Blogmeter, più commenti web a No, ma Sì accorcia

'Divario autori unici No e Sì passato dal 37% di ottobre al 10%'

ROMA - Su Internet il 60% degli utenti che parlano del referendum hanno pubblicato commenti a favore del No, mentre il 40% lo ha fatto per il Sì. Sono trend e umori raccolti e analizzati a pochi giorni dal voto del 4 dicembre da Blogmeter, società italiana di Social Media Intelligence.

"Se si guarda l'evoluzione nel tempo si nota come negli ultimi giorni i sostenitori del Sì in rete siano cresciuti - spiega Vincenzo Cosenza, senior strategist di Blogmeter - Siamo passati da un divario tra gli autori unici per il No e quelli per il Si del 37% a inizio ottobre fino ad un 10% negli ultimi quattro giorni". Nel periodo che va dal 24 settembre al 1 dicembre, Blogmeter ha raccolto 4 milioni di messaggi pubblici sul tema referendum, lasciati da più di 800mila utenti, che hanno generato oltre 25 milioni di interazioni (+140% rispetto al mese precedente) sui social media (like, retweet, commenti, visualizzazioni) e 335 milioni di visualizzazioni uniche. Il mese di novembre, rispetto al precedente, ha fatto segnare un aumento considerevole delle conversazioni (del 75%) e delle interazioni (del 140%).

Il 54% di questi messaggi è stato prodotto su Twitter, il 36% su Facebook, il 6% dai siti di notizie e il restante è frammentato tra altre piattaforme. Se invece si guarda alle interazioni generate si scopre che ben il 75% di esse è avvenuto su Facebook, l'11% su Twitter, il 9% su YouTube, il 5% su Instagram. Blogmeter ha anche individuato le opinioni espresse in oltre 1,8 milioni di messaggi. I concetti più ricorrenti tra coloro che sono contro la riforma riguardano "l'occasione di mandare a casa il governo Renzi e la questione dell'immunità parlamentare per i consiglieri regionali".

Gli hashtag e i termini più citati sono stati: "#iovotono", "votare" e "renzi". I favorevoli alla riforma, invece, "concentrano l'attenzione sulla riduzione dei costi della politica e sui benefici derivanti dall'abolizione del bicameralismo paritario". Gli hashtag e i termini più usati sono stati "#bastunsi", "votare" e "vincere".

Tra i contenuti più virali in rete, spiccano i video. In particolare su Facebook quello del M5s che mostra la manifestazione per il No a Roma (2,4 milioni di visualizzazioni) e lo spot "Si riparte" pubblicato da Matteo Renzi (2 milioni di visualizzazioni).

Su YouTube, ambiente preferito dai più giovani, emergono quelli "non ufficiali" di stampo divulgativo e umoristico. Esempio del primo tipo è "Il referendum costituzionale riassunto e spiegato semplicemente" dello YouTuber Alessandro Masala, che ha generato oltre 450.000 visualizzazioni. Nella seconda categoria, il video "Referendum 2016 Hai notato che..." dei Daniele Doesn't Matter con oltre 150.000 visualizzazioni. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA