A San Francisco attacco hacker a trasporti, si viaggia gratis

Sistema informatico preso in ostaggio da 'ransomware'

ROMA - Gli hacker attaccano il trasporto pubblico e i cittadini viaggiano gratis: è accaduto a San Francisco dove l'azienda del trasporto pubblico 'Sfmta/Muni' ha subito nel fine settimana un attacco del tipo 'ransomware', il virus con cui i criminali prendono in ostaggio un sistema informatico chiedendo un riscatto in denaro per renderlo nuovamente accessibile.

Secondo il sito SFGate, venerdì sera e sabato scorsi i passeggeri di San Francisco hanno viaggiato gratis perché in seguito al blocco dei computer tutte le biglietterie automatiche sono state spente per precauzione. Sui terminali dei dipendenti della Muni venerdì è apparso il messaggio: "Siete hackerati, tutti i dati criptati". Conteneva un indirizzo e-mail con dominio russo come riferimento per il pagamento. Per il sito Hoodline, all'azienda sarebbe stato chiesto un riscatto di circa 73 mila dollari in Bitcoin. Vittima dei criminali solo un quarto dei computer, abbastanza da richiedere il blackout d'emergenza dell'intero sistema informatico.

Si tratta dell'ennesimo esempio della pericolosità del "ransomware", che prende di mira non solo singoli utenti ma anche organizzazioni e aziende. In estate un attacco di questo tipo ha paralizzato un'intera clinica di Los Angeles, costringendo il personale a tornare a carta e penna per trattare i pazienti. Secondo la società di sicurezza Check Point Software Technologies, gli attacchi 'ransomware' sono aumentati in modo esponenziale: l'Italia è diventato il quarto paese Ue nel mirino e il quarantunesimo a livello mondiale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA