Meerkat non regge concorrenza, chiude streaming

Da app per dirette si trasforma in social network

Nonostante abbia fatto da apripista alle applicazioni per i video in diretta streaming dallo smartphone, Meerkat soccombe ai rivali Periscope di Twitter e al neo arrivato Facebook Live. Lanciato un anno fa e dopo un buon debutto, Meerkat - secondo quanto riportato dal sito Re/code - punta a cambiare veste e a trasformarsi in un social network comunque focalizzato sui video "live".

Ad ammettere il fallimento sul fronte delle dirette in streaming è lo stesso amministratore delegato della compagnia, Ben Rubin, in una e-mail inviata un paio di settimane fa agli investitori. L'app di Meerkat per ora continuerà a funzionare ma i suoi creatori stanno già da mesi concentrando sforzi e risorse sul cambio di veste dell'applicazione. "Il settore dei 'mobile broadcast video' - ha scritto Rubin agli investitori - non è esploso così velocemente come avevamo sperato. I vantaggi di distribuzione di Twitter/Periscope e di Facebook Live hanno attirato più nuovi utenti verso di loro".

Meerkat aveva portato il live streaming dallo smartphone alla ribalta, ma "annusato" il potenziale della tecnologia la concorrenza non si è fatta attendere. Periscope, acquistata da Twitter all'inizio dello scorso anno, debuttò poche settimane dopo Meerkat catalizzando l'attenzione del pubblico. Negli ultimi mesi anche Facebook ha esordito con i Live, facendo tremare persino Periscope. Quest'ultima conta circa 10 milioni di utenti, a fronte degli oltre 900 milioni di utilizzatori "mobile" di Facebook, che ora potenzialmente possono diventare broadcaster di se stessi.

Live è una funzione su cui il social network di Mark Zuckerberg punta molto: la piattaforma ha da poco annunciato che modificherà il suo algoritmo in modo da mettere in evidenza nel News Feed i video trasmessi in diretta. E punta a ingaggiare star di Hollywood per far decollare la funzione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA