Google divorzia dal social Google Plus

Profilo Google+ non sarà più obbligatorio per servizi Big G

Google si arrende e decide di divorziare dal suo social network Google Plus, mai decollato davvero. La compagnia ha annunciato che d'ora in poi servizi come YouTube, ma non solo, saranno "slegati" da Google+. Sarà anche più semplice eliminare ciò che resta del proprio account Google+ se non lo si desidera più, visto che non sarà più necessario per accedere ad altri servizi Google.

"Abbiamo dovuto ripensare a delle scelte", scrive sul blog di Google l'ex capo di Google+, Bradley Horowitz, ora vice presidente dei servizi streaming, foto e condivisione. Il colosso californiano aveva legato l'utilizzo di alcuni suoi servizi (dalla mail alla piattaforma YouTube) all'iscrizione degli utenti su Google+, social network mai decollato e non sempre gradito agli utenti proprio perché visto come un'imposizione. "Nei prossimi mesi", scrive Horowitz, le cose cambieranno: un account Google e non sul social Plus sarà "l'unica cosa di cui si avrà bisogno" per usare i prodotti Google.

Già la rinnovata piattaforma Google Foto si era slegata da Plus, e ora a fare a meno della simbiosi coi profili Google+ sarà YouTube: si comincia subito dai commenti ai video e poi nei prossimi mesi la piattaforma si staccherà anche per altre funzioni. La novità non sarà immediata, quindi per il momento ancora non si deve cancellare il proprio account Google+, altrimenti si farà altrettanto con il canale YouTube ("no bueno", scrive lo staff).

Ad ogni modo, promette Horowitz, Google+ non morirà ma continuerà ad essere potenziato come luogo in cui condividere interessi comuni. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA