App scova malattie degli occhi nei bimbi

Diagnosi oltre 1 anno prima dei metodi tradizionali

Un'applicazione può scoprire nei bambini l''occhio bianco', un riflesso all'interno della retina che può essere spia di una malattia, permettendo così di fare una diagnosi molto prima dei metodi tradizionali. Lo ha dimostrato uno studio della Baylor University pubblicato su Science Advances, secondo cui l'algoritmo può fare l'analisi direttamente sulle foto già fatte ai possibili pazienti.

L'idea, spiegano gli autori, è venuta in seguito all'esperienza personale di uno dei ricercatori, il cui figlio ha perso un occhio per un retinoblastoma, un tumore della retina, una delle malattie di cui l'occhio bianco è un sintomo.

L'app è stata testata dapprima su migliaia di foto del piccolo, ed è stata in grado di trovare l'occhio bianco già all'età di 12 giorni. Il sistema è stato poi testato su 53mila immagini di 40 bambini, metà dei quali con un problema all'occhio, ed è stato in grado di trovarlo in 16 casi, sempre molto prima, in media 1,3 anni, del momento in cui è stata fatta la diagnosi. "L'app si chiama White eye detector - segnalano gli autori - ed è a disposizione gratuitamente per tutti i genitori". 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA