California verso bando riconoscimento volto per polizia

Esperimento su parlamentari, alcuni identificati come arrestati

Dopo la legge sugli autisti di Uber, la California si prepara forse ad un'altro passo nel settore della tecnologia. Il Senato - riporta il Washington Post - ha approvato un disegno di legge che mette un freno all'uso del riconoscimento facciale nelle telecamere della polizia, per i prossimi tre anni. La norma, che necessita dell'approvazione dell'Assemblea dello Stato e la firma del governatore per diventare legge, è stata accolta con favore dall'American Civil Liberties Union (Aclu), promotrice di un esperimento per verificare come questo tipo di tecnologia non è ancora perfezionata e commette degli errori.

Ad agosto l'Aclu aveva sottoposto alcuni parlamentari ad un esperimento di sorveglianza: i loro volti erano stati inseriti nel software di riconoscimento facciale 'Rekognition' di Amazon e confrontati con un database di 25mila foto segnaletiche di persone arrestate. Ventisei partecipanti all'esperimento sono stati erroneamente identificati con questi ultimi.

Il disegno di legge arriva tra le crescenti preoccupazioni per il riconoscimento facciale negli spazi pubblici. Città come San Francisco e Oakland hanno approvato divieti più ampi sull'uso di questa tecnologia, mentre il Massachusetts sta prendendo in considerazione una moratoria a livello statale. E ad aprile a New York è completamente fallito l'esperimento che doveva verificare i volti di chi guidava le auto che passavano su uno dei ponti della città, con nessun viso rilevato con precisione accettabile.

Qualche mese fa una serie di associazioni per i diritti umani e digitali hanno scritto un appello ad Amazon, Google e Microsoft affinché non vendano la loro tecnica di riconoscimento facciale ai governi. Mentre, secondo una recente ricerca del the Pew Research Center, più della metà degli americani è favorevole ad un uso "responsabile" di questa tecnologia per la sicurezza. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA