Huawei raddoppia, svela a Londra il Mate 20 Pro

Punta su sicurezza e tripla fotocamera. Il Ceo Yu, senza rivali

Dopo il P20 Pro della scorsa primavera, Huawei raddoppia nel segmento degli smartphone top di gamma. A Londra il colosso cinese svela il Mate 20 Pro, un dispositivo che guarda a chi lavora in mobilità. Sicurezza, potenza e durata della batteria sono le caratteristiche di spicco, in cui - dice dal palco il Ceo Richard Yu - il nuovo smartphone è "ineguagliabile". Così come senza rivali, spiega l'azienda, è la fotocamera. Obiettivo è tenersi alle spalle Apple, superata per volumi di vendita globali, e andare all'inseguimento di Samsung, leader del settore 'mobile'.

Sul fronte della sicurezza, come l'iPhone X il Mate 20 Pro integra un sistema di riconoscimento tridimensionale del volto, ma aggiunge un lettore di impronte digitali inserito sotto lo schermo, un display Oled in vetro curvo da 6,39 pollici.

Lo smartphone - che ha anche un fratello minore, il Mate 20 - integra il processore Kirin 980, primo chip a 7 nanometri al mondo (presentato ad agosto, un mese prima dell'omologo di Apple) che migliora le performance e riduce i consumi. Su questo fronte il Mate ha una batteria che promette di durare ben oltre una giornata, e che può persino ricaricare un altro smartphone in modalità wireless.

Il processore ha a bordo l'intelligenza artificiale, che si vede nella tripla fotocamera posteriore sviluppata con la tedesca Leica. Nei ritratti, ad esempio, all'effetto bokeh si aggiunge la possibilità di avere il soggetto a colori e lo sfondo in bianco e nero.

Nel dettaglio, il Mate 20 pro monta sul retro una grandangolare da 40 megapixel, un'ultra-grandangolare da 20 mp e un teleobiettivo da 8 mp, che con il flash formano un nuovo design quadrato. I sensori consentono di scattare da distanza molto ravvicinata, fino a 2,5 centimetri. Migliora il riconoscimento di oggetti e scenari, e la messa a fuoco delle foto multilayer. Nel notch frontale, insieme ai sensori del 3D Face Unlock con cui accedere anche alle app, c'è invece una fotocamera da 24 megapixel.

Tra le curiosità, la possibilità di scannerizzare con la fotocamera l'immagine 3D di un oggetto, ad esempio un orsacchiotto di peluche, e farne una emoji tridimensionale animata. La fotocamera usa il 3D anche per calcolare le calorie nel piatto, con il riconoscimento sia del tipo di cibo, sia della quantità.

La batteria è da 4.200 mAh, si ricarica al 70% in mezz'ora (“è più veloce del 440% rispetto ad iPhone Xs Max”) e ha il wireless reverse charging con cui caricare un altro smartphone a mo' di power bank. Diventa wireless anche il Pc projection, cioè la possibilità di trasferire lo schermo da telefono a tv.

Il Mate 20 Pro arriva con 6 GB di Ram e 128 GB di memoria interna, espandibile con le nuove e più piccole schede nano SD. Il sistema operativo è Emui 9, basato su Android 9 Pie. Resistente ad acqua e polvere (IP68, può scattare foto sott'acqua), è disponibile in sei colori, tra cui il verde smeraldo e il blu mezzanotte con un nuovo pattern rigato nella scocca posteriore, cui si aggiungono nero, oro rosa, argento e twilight.
Il Mate 20 si presenta invece con uno schermo Lcd da 6,53 pollici.

Le fotocamere posteriori sono da 12, 16 e 8 megapixel, mentre la frontale resta da 24 mp. Processore e sistema operativo sono gli stessi del fratello maggiore, così come la memoria interna, mentre la Ram è da 4 GB. Non mancano lo sbocco con il riconoscimento del volto e l'impronta digitale, ma con tecnologie diverse dal modello di punta. Il notch, di conseguenza, è più piccolo.

Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro sono disponibili nei mercati europei da oggi. Il Mate 20 ha un prezzo di 799 euro per la versione con Ram da 4GB, 849 euro per 6 GB. Il Mate 20 Pro ha un listino di 1.049 euro.
Il Mate 20 X sarà disponibile dal 26 ottobre a 899 euro; il Mate 20 RS Porsche Design dal 16 novembre a 1.695 euro (256 GB di memoria interna) e 2.095 euro (512 GB).
Il Huawei Watch GT è venduto a 199 euro nella versione sport e a 249 euro nella versione Classic, mentre la Band 3 Pro ha un prezzo di 99 euro.

Huawei a sorpresa a Londra svela anche il Mate 20 X, con schermo da 7,2 pollici (praticamente un tablet), batteria da 5mila mAh che garantisce 23 ore di riproduzione video. E' compatibile con un pennino, dedicato a chi con il dispositivo studia o lavora. Strizza poi l'occhio ai videogiocatori, con un joypad attaccabile che trasforma lo smartphone in una console portatile. 

Nel corso della presentazione Huawei ha poi svelato il Mate in versione Porsche, con scocca posteriore in pelle, 8 GB di Ram e fino a 512 GB di memoria interna. In conclusione, il Huawei Watch GT: non un vero smartwatch, ma uno sportwatch pensato prevalentemente per l'attività fisica, così come la nuova smart band dell'azienda cinese, la Band 3 Pro.

 

 

 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA