Maker Faire, robot avatar alter ego uomo

Impiegato ad Amatrice, ha mani soffici sviluppate come protesi

(ANSA) - ROMA, 14 OTT - Un robot avatar comandato a distanza, che si comporta come un alter ego dell'uomo per esplorare territori pericolosi, come i luoghi colpiti da terremoti. Si chiama 'Ego' ed è un prototipo già sperimentato ad Amatrice.
    Sviluppato dal Centro E. Piaggio dell'Università di Pisa e dall'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), è una delle attrazioni della sezione robotica della sesta edizione della Maker Faire Roma - The European Edition, che si conclude oggi alla Fiera di Roma.
    "Ego è un robot telecomandato da un operatore che, grazie a un visore, riesce a vedere attraverso gli occhi del robot, e con dei joystick a pilotarne a distanza l'apertura e chiusura delle mani", ha spiegato all'ANSA Manolo Garabini, uno dei ricercatori del Centro Piaggio che lo ha sviluppato. Il robot è già stato impiegato ad Amatrice "per valutare in sicurezza i danni agli edifici", ha aggiunto Garabini. Il robot non è ancora in commercio, ma lo stesso gruppo ha anche perfezionato alcune sue parti, come le mani, "esempi di robot soffici flessibili che si adattano agli oggetti da afferrare", ha spiegato Garabini. La mano robotica, battezzata Pisa Iit Soft Hand "pesa 500 grammi e sarà commercializzata come protesi dallo spin off del Centro Piaggio e dell'Iit Qb Robotics", ha aggiunto il ricercatore. "Fino a qualche anno fa i robot erano confinati in gabbie nelle fabbriche. Oggi - ha concluso - stiamo invece imparando ad abituarci a robot soffici con movimenti sempre più naturali". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA