Microsoft, un data center in fondo al mare

Cilindro di 12 metri al largo della Scozia

Un nuovo data center in fondo al mare.  E' l'idea innovativa di Microsoft che immergerà dei server sott'acqua in un cilindro di 12 metri, vicino all'arcipelago delle Orkney, nel nord della Scozia. "Pensiamo di ottenere un raffreddamento migliore rispetto a quello terrestre - afferma Ben Cutler, responsabile Microsoft per il progetto che si chiama Natick. "Inoltre - aggiunge - poiché non ci sono persone, possiamo togliere tutto l'ossigeno e la maggior parte del vapore acqueo dall'atmosfera, riducendo la corrosione, che è un problema significativo nei data center".

Costruito in Francia dal gruppo Naval, il data center di Microsoft è un cilindro bianco lungo 12,2 metri che contiene 864 server. Può rimanere sott'acqua per un massimo di cinque anni.

Un cavo sottomarino trasporterà l'elettricità generata da un sistema di energia eolica. Sono diversi anni che il colosso di Redmond sta facendo esperimenti in questo senso: nel 2015 ha collocato per 5 mesi un data center nel mare della costa californiana.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA