Elon Musk, su Marte per sopravvivere a guerra

E presenta sistema trasporto pubblico nei tunnel

ROMA - L'uomo deve impegnarsi a colonizzare Marte con un amissione già nel 2019, per salvare la civiltà umana dalla terza guerra mondiale che potrebbe essere causata anche da un'intelligenza artificiale non controllata, più pericolosa delle armi nucleari. Così Elon Musk, che in una manifestazione in Texas è tornato a dipingere scenari apocalittici. Mentre il suo interesse si espande anche ad un sistema di trasporto pubblico, nei tunnel.

"È importante avere una base autosufficiente su Marte, perché (il pianeta) è abbastanza lontano dalla Terra che (in caso di guerra) è più probabile che sopravviva rispetto a una base lunare", ha detto il fondatore di Tesla e Space X all'evento South by Southwest, in corso ad Austin. ''Stiamo costruendo la prima navicella spaziale interplanetaria. Penso che saremo in grado di effettuare i primi brevi voli nella prima meta' dell'anno prossimo'' dice Musk, ammettendo comunque che le sue tabelle di marcia non sono sempre affidabili.

Nel caso in cui scoppi la terza guerra mondiale, ha affermato Musk, "vogliamo essere sicuri che ci sia un seme di civiltà umana da qualche altra parte, così da riportarlo indietro e abbreviare la durata delle epoche buie". "L'intelligenza artificiale - ha aggiunto - è più pericolosa delle armi nucleari. Quindi perché non abbiamo un controllo regolamentare?".

In attesa di arrivare su Marte, con il razzo chiamato Bfr che dovrebbe compiere il primo volo nella prima metà del 2019, Musk pensa a rivoluzionare il trasporto cittadino attraverso tunnel sotterranei. L'imprenditore ha fornito nuovi dettagli del progetto, portato avanti dalla sua azienda The Boring Company, che darà priorità a pedoni e ciclisti rispetto alle auto. "Continueremo a trasportare le auto, ma solo dopo aver soddisfatto tutte le esigenze del trasporto pubblico. È una questione di cortesia e correttezza. Se qualcuno non può permettersi una macchina, dovrebbe andare per primo", ha twittato Musk.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA