Samsung punta sull'internet delle cose

L'azienda al Ces, i dispositivi si controllano con una sola app

ROMA - Al Ces di Las Vegas, la fiera dell'elettronica di consumo in corso a Las Vegas, Samsung scommette sull'internet delle cose (IoT), cioè sulla miriade di oggetti connessi che dialogano tra loro e si controllano con lo smartphone, dal frigorifero alle tapparelle, dall'auto alle luci del salotto. La compagnia coreana ha ribadito la promessa, fatta due anni fa, che tutti i suoi prodotti saranno compatibili con l'IoT entro il 2020, e ha aggiunto che attualmente lo è già il 90%.

Per creare un ecosistema di oggetti connessi, che sarà reso possibile dalle nuove reti cellulari 5G attese anche in Italia dal 2019, Samsung ha spiegato che sfrutterà la tecnologia SmartThings, con cui i dispositivi si parleranno tra loro. La società ha annunciato che in primavera unirà le applicazioni IoT esistenti, come Samsung Connect e Smart Home, all'interno di SmartThings, una singola app con cui controllare i dispositivi da smartphone e tablet ma anche sulla tv e in auto.

"Siamo impegnati ad accelerare l'adozione dell'IoT per tutti", ha affermato Hyunsuk Kim, responsabile dell'elettronica di consumo di Samsung. L'obiettivo è "aiutare i consumatori a sfruttare i vantaggi di una vita connessa in modo semplice e senza soluzione di continuità".


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA