Apple rilancia su iPhone e iPad

Il velo si alzerà il 21 marzo, il 22 sarà in tribunale contro Fbi

Tra pochi giorni Apple presenterà un aggiornamento dei suoi gadget hi-tech: un nuovo iPad e soprattutto un nuovo iPhone, più piccolo dei modelli attuali, che dovrebbe contribuire ad alimentare la crescita anemica delle vendite di melafonini. L'indiscrezione gira da mesi, ma ora arriva la conferma ufficiale: Apple ha convocato la stampa per un evento in programma nel suo campus di Cupertino. La data scelta è il 21 marzo, cioè il giorno prima dell'udienza in tribunale in cui la compagnia dovrà motivare il suo no alle richieste dell'Fbi sulla creazione di un software per sbloccare l'iPhone dei uno dei killer della strage di San Bernardino.

Stando alle voci in circolazione, il prodotto clou dell'evento sarà l'iPhone SE, uno smartphone con schermo da 4 pollici, più piccolo dei modelli attuali da 4,7 e 5,5 pollici.

Costerà un po' meno dei fratelli maggiori, ma non sarà certo un dispositivo economico, mantenendo prestazioni elevate all'altezza del brand. La pur ampia fetta di mercato dei low cost, infatti, non è mai interessata alla casa californiana, che con la scelta di riproporre un melafonino da 4 pollici punta piuttosto a soddisfare i consumatori interessati a telefoni meno ingombranti.

L'iPhone SE dovrebbe contribuire a rivitalizzare le vendite di Apple. Tra ottobre e dicembre scorsi la società ha registrato la prima battuta d'arresto per gli iPhone, dopo una serie continua di crescite imponenti. Nel trimestre natalizio ha venduto 74,8 milioni di smartphone, appena lo 0,4% in più rispetto all'anno precedente. Per l'analista Ming-Chi Kuo di KGI Securities, esperto del mondo della Mela, le vendite del nuovo iPhone dovrebbero totalizzare quest'anno i 12 milioni di pezzi.

Sul fronte dei tablet, dove per Apple le vendite negli ultimi tre mesi del 2015 sono calate del 25%, a 16 milioni di unità, l'attesa è per un iPad Pro da 9,7 pollici, fratello minore del Pro da 12,9 pollici, svelato nel settembre scorso e anch'esso provvisto di pennino e tastiera staccabile, che lo fa assomigliare a un computer portatile. Molto probabile, poi, la presentazione di nuovi cinturini per l'Apple Watch, ed è possibile anche un aggiornamento dei notebook.

E sul palco di Cupertino il Ceo Tim Cook potrebbe non portare soltanto gadget. Sembra difficile, infatti, che il numero uno della Mela si lasci sfuggire l'occasione di un'ingente copertura mediatica, da sempre garantita agli eventi Apple, per ribadire le proprie motivazioni in tema di privacy e sicurezza nel duello che contrappone la compagnia al governo Usa sul caso San Bernardino. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA