Negli Usa i droni avranno una targa, come le auto

E nel Nevada nasce primo aeroporto apposito, con ok ente aviazione

Anche i droni avranno una 'targa', come le auto. La Federal aviation administration (Faa), l'ente statunitense per l'aviazione civile, ha annunciato che i proprietari di droni negli Usa dovranno registrarli obbligatoriamente entro metà febbraio 2016. I velivoli avranno un numero identificativo e la registrazione avrà durata triennale. La pratica costerà 5 dollari. Intanto negli Usa c'è il primo aeroporto ad hoc: si trova in Nevada e ha anche l'ok della Faa.

La registrazione, che si potrà fare dal 21 dicembre, riguarda i droni che pesano da 0,23 a 25 chili circa e proprietari da 13 anni in su. Per i possessori più piccoli dovrebbero essere i genitori a portare avanti la registrazione. Chi possiede già un drone può registrarlo entro il prossimo 19 febbraio, mentre chi li compra dal 21 dicembre in poi deve registrarli prima di farli volare all'esterno.

Intanto nel Nevada è in costruzione il primo aeroporto per i droni. Si chiama Aerodrome ed è una struttura pensata per l'istruzione, la manutenzione dei velivoli, ma anche per scopi ricreativi e gare. Una parte dell'impianto è già operativa, riporta il sito Fast Company, mentre la struttura sarà completata entro il 2018: è uno dei 6 siti test approvati dalla Faa, ma non è l'unico al mondo. C'è un progetto simile in Ruanda anche se pensato per consegne di beni di prima necessità e medicinali.

Secondo stime di Aerodrome il mercato dei droni crescerà di oltre 82 miliardi di dollari tra il 2015 e il 2025 generando più di 100mila nuovi posti di lavoro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA