Pronte batterie del futuro, ricaricano cellulari in 1 minuto

Destinate a sostituire quelle tradizionali, alcalina e al litio

E' pronta la prima batteria del futuro, capace di ricaricare smartphone e pc in un minuto e destinata a rimpazzare le trazionali batterie. E' stata messa a punto nell'università californiana di Stanford ed è descritta sulla rivista Nature. L'accumulatore di nuova generazione, in alluminio, è destinato a rimpiazzare le batterie tradizionali, comprese quelle al litio che vengono attualmente utilizzate per cellulari e pc portatili. Le nuove batterie hanno una durata maggiore e sono più 'verdi' e sicure, rileva il coordinatore della ricerca, il chimico Hongjie Dai.



Il prototipo ha sopportato 7.500 cicli di ricarica senza perdere potenza, mentre le normali batterie a ioni di litio cominciano ad avere performance minori dalla centesima ricarica. Inoltre, i nuovi accumulatori saranno meno costosi delle attuali batterie, visto che il prezzo dell'alluminio è inferiore a quello del litio.

Le batterie in alluminio messe a punto Stanford sono destinate a sostituite la maggior parte delle batterie di tipo tradizionale, come quelle alcaline molto inquinanti, e quelle agli ioni di litio, potenzialmente pericolose se utilizzate in modo scorretto. Grazie alle loro caratteristiche uniche, le batterie di nuova generazione si ricaricano molto velocemente, durano moltissimo e sono economiche. Da decenni l'alluminio è considerato un materiale interessante da utilizzare per costruire batterie, soprattutto a causa del suo basso costo, ma finora non c'era una tecnologia che permettesse di raggiungere questo obiettivo.

Il prototipo di batteria in alluminio costruito a Stanford ha l'elettrodo negativo fatto di alluminio (anodo) e quello positivo (catodo) fatto di grafite. I due elementi sono stati posti in una soluzione di sale liquida a temperatura ambiente all'interno di polimero flessibile che ha la funzione di conduttore (elettrolita).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA