La Sharapova non è più ambasciatrice Onu

Provvedimento dopo l'annuncio della russa sulla sua positività

 Maria Sharapova non è più ambasciatrice dell'Onu. La tennista russa, risultata positiva al Meldonium ad un test antidoping agli Open d'Australia, è stata sospesa anche dalla carica di "ambasciatrice di buona volontà" del programma delle Nazioni unite per lo sviluppo (United Nations Development Programme). L'agenzia dell'Onu si è detta "riconoscente verso Maria Sharapova per aver sostenuto il nostro lavoro, in particolare gli sforzi per la ricostruzione dopo la catastrofe nucleare a Chernobyl". Ma "alla luce dell'annuncio fatto recentemente dalla stessa Sharapova, abbiamo deciso di sospenderla dal ruolo di ambasciatrice di buona volontà e da tutte le attività previste in attesa del prosieguo dell'inchiesta".
    La Sharapova ricopriva dal 2007 il ruolo di ambasciatrice di buona volontà del programma Onu per lo sviluppo, che si occupa di combattere la povertà e la disuguaglianza. La sua fondazione benefica ha lavorato con l'Undp per finanziare borse di studio di formazione per persone provenienti da Chernobyl.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA