Moto: parte sfida a Yamaha, Honda presenta il suo 2016

Marquez fiducioso per campionato: 'saremo molto competitivi'

 Riparte da Sentul a Giacarta la sfida della Honda alla Yamaha campione del mondo in MotoGp di Jorge Lorenzo. A benedire le nuove moto del colosso giapponese, prima di volare in Australia per il secondo test ufficiale della MotoGP il 17 e 19 febbraio, sono stati Marc Marquez e Dani Pedrosa che insieme a tutto il team Honda hanno incontrato il ministro dello Sport e dei Giovani indonesiano Imam Nahrawi. E per l'occasione, alla presenza dei media mondiali, è stato confermato anche il piano per organizzare un Gp a breve in Indonesia. Sull'International Circuit di Sentul, i due piloti Repsol Honda accompagnati da Shuhei Nakamoto, vicepresidente esecutivo HRC e da Livio Suppo, team principal, hanno tolto i veli alle loro RC213V 2016. "Non finisce mai di emozionarmi - ha detto l'ex campione del mondo Marc Marquez come riporta il sito media della MotoGp - tutto questo affetto dei nostri tifosi e appassionati qui in Indonesia; è stato un grande onore per noi presentare le nuove moto su questo circuito. Ora voleremo verso Phillip Island, non vedo l'ora di continuare il lavoro per il 2016. A Sepang abbiamo trovato la strada giusta e sono fiducioso che i tecnici HRC e la nostra scuderia ci portino nuovi e importanti miglioramenti per essere molto competitivi". Pronto per la nuova stagione, che scatterà il prossimo 20 marzo a Losail in Qatar in contemporanea con la Formula 1, lo stesso Pedrosa: "questa presentazione mi rende molto orgoglioso di essere un pilota Repsol Honda; quest'anno fisicamente mi sento in forma e non vedo l'ora di iniziare la nuova stagione. Siamo di fronte a molti cambiamenti e abbiamo tanto lavoro da fare. Qui a Sentul i nostri fan ci hanno fatto sentire tutto il loro calore, è un bello stimolo in vista di questo campionato. Sono contento che avremo modo di provare su tre circuiti diversi durante i test ufficiali, è l'occasione per testare meglio le novità del 2016".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA