Serie A: Cagliari Lazio 1-2

Il posticipo chiude il sedicesimo turno della Serie A

Cagliari-Lazio 1-2 nel posticipo della serie A di calcio - Cronaca 

La Lazio ha inanellato a Cagliari l'ottava vittoria consecutiva battendo in rimonta la squadra sarda per 2-1, con la rete segnata da Caicedo all'98' minuto. Il Cagliari era passato in vantaggio all'8' con un bel gol di Simeone. Chiuso meritatamente avanti il primo tempo dal Cagliari, nella ripresa la reazione della Lazio è stata veemente, fino al pari realizzato da Luis Alberto al 48'. Al 35' l'ingresso in campo di Caicedo, che ha poi risolto la partita a favore della Lazio. La formazione di Inzaghi ha così consolidato il terzo posto, a -3 dalla coppia di testa Juventus-Inter.

1-2 finale: 7' Simeone, 92' L.Alberto, 98' Caicedo. Sardi si divorano più volte il 2-0, Lazio vola a -3 dalla vetta.
1-2: 
al 53' st, incornata vincente di Caicedo, clamorosa rimonta laziale. 
1-1:
al 47' st conclusione vincente di Luis Alberto che consente ai suoi di riacciuffare un inatteso pareggio.
1-0 fine pt:
7' Simeone. Avvio intenso dei sardi, poi possesso palla ospite e nel finale 3 occasioni nitide rossoblu.
1-0: 7' pt, azione da fallo laterale, difesa distratta, sponda di Joao Pedro per Simeone che insacca di sinistro.


Le formazioni.
Cagliari (4-3-1-2): Rafael, Cacciatore, Pisacane, Klavan, Lykogiannis, Nandez, Cigarini, Ionita, Nainggolan, Joao Pedro, Simeone. All. Maran.
Lazio (3-5-2): Strakosha, Luiz Felipe, Acerbi, Radu, Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Lulic, Correa, Immobile. All.: Inzaghi.

La testa al Cagliari, poi si penserà alla Juventus. Di conseguenza, tutti i big in campo in Sardegna, senza preoccuparsi dei diffidati. Nessun calcolo se non quello di arrivare all'ottava vittoria consecutiva prima di approcciare al meglio la Supercoppa con i bianconeri. Simone Inzaghi detta i tempi e manda un messaggio forte e chiaro allo spogliatoio e all'ambiente della Lazio: "Voglio vedere una bella reazione dopo l'eliminazione dall'Europa League". I biancocelesti vengono dal successo esaltante con la Juventus seguito dal ko in Europa con il Rennes. Ora l'ostacolo in casa di quella che per il tecnico biancoceleste rappresenta "senza dubbio la rivelazione del campionato. Hanno fatto un ottimo mercato, sono una squadra organizzata e con un ottimo allenatore. Noi dobbiamo continuare a credere in quello che facciamo". In campo tutti i big, compresi Acerbi, Lulic e Leiva, tutti diffidati oltre a Parolo, che partirà dalla panchina, e a rischio di incappare in una squalifica da scontare nel match di Supercoppa in caso di ammonizione: "La cosa non mi condiziona - aggiunge il tecnico laziale - la nostra unica concentrazione è per la partita di Cagliari e solo dopo avremo una finalissima da giocarci. I diffidati dovranno fare attenzione ma dovranno essere concentrati al cento per cento sul Cagliari". Ad attendere i biancocelesti in una sfida da Champions, sarà "una partita difficilissima - si dice convinto il tecnico - perché troviamo una squadra che sta facendo benissimo e ha un grandissimo entusiasmo. Ha qualità e ha dimostrato di poter mettere in difficoltà qualsiasi avversario". "Siamo in un ottimo momento, ma io guardo indietro e vedo che quando non venivano i risultati abbiamo però sempre fatto prestazioni. E i risultati passano sempre dalle prestazioni", conclude Inzaghi. In attacco torna la coppia più prolifica del campionato Immobile-Correa, a centrocampo ci sarà Milinkovic-Savic, sugli esterni sempre Lazzari con Lulic opposto. In difesa, resta aperto il ballottaggio tra Luiz Felipe e Bastos, con il primo favorito.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA