Calcio donne: Usa,niente accordo salario

Giocatrici pronte a rivolgersi ad un giudice contro federazione

(ANSA) - WASHINGTON, 15 AGO - Finirà davanti ad un giudice, con tutta probabilità, la vertenza tra la federcalcio Usa (Ussf) e le giocatrici della nazionale, reduci dalla vittoria del mondiale, sul tema caldo della parità retributiva con i calciatori. "Abbiamo avviato la mediazione con l'Ussf piene di speranze - ha detto la rappresentante le atlete, Molly Levinson - ma dobbiamo interrompere questi incontri fortemente deluse dalla determinazione della federazione nel perpetuare un atteggiamento discriminatorio". Altrettanto decisa la reazione della federazione, secondo cui "l'approccio della controparte è stato eccessivamente aggressivo e in sostanza improduttivo".
    "Apprezziamo le nostre giocatrici e lo abbiamo dimostrato continuamente, fornendo loro un compenso e un supporto che supera qualsiasi altra squadra femminile nel mondo", afferma ancora la federazione, che sostiene la volontà di "continuare la trattativa in buona fede e senza forzature".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA