"DDR ha preferito amore tifosi a trofei"

Malagò "Nel calcio moderno difficilmente esisterà ancora questo"

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - "De Rossi, come Totti, ha avuto la forza, e anche la debolezza se vogliamo, di stare sempre nella stessa città. Nel calcio moderno difficilmente esisterà ancora tutto questo. Hanno preferito l'amore della gente a qualche trofeo in più". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, all'indomani della partita di addio di Daniele De Rossi alla Roma. "Ieri è stata una giornata di sport - ha sottolineato il capo dello sport italiano a margine della cerimonia di consegna del Premio Bearzot organizzato dall'Us Acli - un evento in cui il calcio c'era ma era soprattutto una storia umana. Mi ricorda anche l'addio di Maldini, Zanetti, Del Piero e Totti. Ho molto apprezzato che sia venuto apposta Gigi Buffon a rendere omaggio.
    De Rossi era il più giovane ai mondiali del 2006, in Italia lui e Buffon probabilmente non giocheranno più, parliamo di una generazione di atleti che hanno reso grande l'Italia".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA