Chelsea affonda con Higuain, e Sarri traballa

Dopo entusiasmo avvio, tecnico sotto accusa: 'non capisco squadra'

Un'altra sconfitta e un altro confronto teso dentro lo spogliatoio, proseguito davanti alle telecamere, dove Maurizio Sarri non ha risparmiato una volta di più esplicite critiche ai suoi giocatori. Ma dopo la seconda sconfitta consecutiva, sul campo del Bournemouth, i tifosi sembrano aver perso la pazienza, schierandosi coi giocatori e fischiando apertamente il tecnico toscano. "Non sai quello che stai facendo", il coro dei supporters Blues al Vitality stadium, dove il Chelsea ha rimediato la peggiore sconfitta in campionato degli ultimi 20 anni.

Prosegue dunque il momento difficile di Sarri: quinta sconfitta negli ultimi due mesi, solo 19 punti nelle ultime 12 giornate, il suo Chelsea è scivolato fuori dalla zona Champions. "Confusione Sarri", titola oggi il Daily Mail, che scrive: "Ora Sarri dovrà lottare per salvare la sua panchina, dopo la contestazione dei tifosi al fine partita". Scelto da Roman Abramovich per far dimenticare il gioco troppo rinunciatario di Antonio Conte, a fine gennaio Sarri ha totalizzato 47 punti, tre in meno del suo predecessore. E di certo le ultime prestazioni dei Blues non sono state esaltanti.

Neppure l'arrivo di Gonzalo Higuain ha avuto un'impatto positivo: al suo debutto in Premier, il Pipita ha toccato 29 palloni (zero tiri in porta) prima di essere sostituito a metà ripresa. Un tracollo senza spiegazioni, anche per Sarri: "Per me è difficile capire le ragioni di questa sconfitta. Nel primo tempo abbiamo giocato molto bene, ma nella ripresa siamo stati disastrosi. Ci sono troppe cose che non funzionano, ripetiamo sempre gli stessi errori". Nessuna intenzione però di qualsiasi tipo di abiura tattica, nonostante le ripetute critiche ai suoi giocatori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA