Chelsea-Sarri luna di miele finita, Higuain la cura

Quarta sconfitta in ultimi 11 match incrina fiducia ambiente

La luna di miele è finita a Stamford Bridge: la sconfitta contro l'Arsenal, la quarta nelle ultime 11 uscite, ha fatto emergere limiti e tensioni nei rapporti tra Maurizio Sarri e il Chelsea. Se al suo arrivo il tecnico italiano, complice i modi pacati e soprattutto l'iniziale striscia di imbattibilità, era stato accolto con entusiasmo, ora anche tra i tifosi comincia a serpeggiare uno scetticismo malcelato. Colpa anche della rigidità della filosofia sarriana, che stenta a trovare la giusta applicazione. Per il momento i risultati sono ancora dalla parte di Sarri, quarto in Premier League, ancora in corsa per tutti i principali traguardi stagionali, Europa League compresa. Ma da qualche settimana serpeggia un crescente malumore tra Sarri e l'ambiente, e non solo per il mercato. Presto, già martedì, l'ex allenatore del Napoli verrà raggiunto a Londra da un suo vecchio allievo, Gonzalo Higuain. Nonostante Alvaro Morata e Olivier Giroud, entrambi deludenti questa stagione, il club londinese ha deciso di accontentare Sarri, sacrificando il giovane centravanti spagnolo pur di arrivare all'argentino. Ma l'attacco frontale, che Sarri ha rivolto alla squadra dopo la sconfitta dei Gunners, ha sorpreso tutti. L'accusa di mancanza di motivazioni e personalità, ad una squadra che può contare su giocatori che hanno vinto tutto in carriera, è parsa stonata dall'unanimità dei media inglesi. Che ora rimproverano a Sarri di imporre un modulo tattico rigido quanto inadeguato alla rosa a disposizione. Secondo Gary Neville, ex Manchester United oggi autorevole commentatore, le dichiarazioni nel post-partita di Sarri sono tipiche di chi "sa che prima o poi verrà esonerato".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA