Salvini alla festa della curva del Milan, 'Indagato tra gli indagati'

'Io sono per il tifo corretto, colorato e colorito' spiega il ministro degli interni. 'Gattuso? nessun problema è il migliore'

''Questi tifosi sono persone per bene, pacifiche, tranquille. Loro portano colore con un coro, un tamburo, una bandiera. La violenza poi è un'altra cosa. Ci sono diversi indagati nella Curva del Milan? Io stesso sono indagato.  Sono un indagato in mezzo ad altri indagati''. E' quanto ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini, concedendosi ai selfie con i tifosi nel corso della festa della Curva Sud del Milan all'Arena a Milano. ''Mi sembra che in Europa esistano due pesi e due misure a tutti i livelli. L'Europa non ama l'Italia e in questo caso le squadre italiane. Mi sembra che sul Milan e le squadre italiane ci sia un'attenzione e un accanimento particolare''. Lo dice il Ministro degli Interni, Matteo Salvini, all'Arena Civica in Milano per la festa dei 50 anni della Curva Sud del Milan, riferendosi alla sentenza della Uefa, che ha condannato il Milan ad una multa di 12 milioni e alla limitazione a 21 giocatori in rosa per le violazioni commesse sul Fair Play Finanziario.

'Ringrazio i tifosi della Curva del Milan perché sono una delle realtà più belle del calcio europeo''. Lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini, arrivando all'Arena Civica di Milano per le celebrazioni per i 50 anni della Curva Sud del Milan, che proprio oggi compie 119 anni. Ai cronisti che gli ricordano i ''problemi con la giustizia'' di alcuni esponenti della Curva Sud, con riferimento all'indagine della polizia per droga nello scorso mese di giugno, Salvini replica: ''Io sono per il tifo corretto, colorato e colorito. Episodi di violenza non mi appartengono e non appartengono a nessuno sportivo. Ognuno indaghi ed è giusto, vado a San Siro da quando ho 5 anni, ne ho 45 e non smetterò nonostante i risultati. Non c'è granché da festeggiare. Ho cominciato a seguire il Milan che era in serie B quindi siamo già messi meglio. Ho vinto tutto quello che potevo, spero che mio figlio abbia la metà delle soddisfazioni di quelle che ho avuto io''.

''Il Milan ha bisogno di un piano come quello che in piccolo il governo sta dando all'Italia sul futuro del Paese''. Lo ha detto il ministro degli Interni, Matteo Salvini, intervenuto all'Arena Civica di Milano per la festa dei 50 anni della Curva Sud del Milan. ''Sono dispiaciuto per il mancato arrivo di Ibrahimovic? Non penso che il Milan abbia bisogno di un singolo, un singolo non fa mai la differenza'', ha risposto. Salvini ha poi chiuso definitivamente la diatriba verbale avuta con il tecnico rossonero, Gennaro Gattuso: ''Con lui non c'è nessun problema, io faccio il ministro, lui l'allenatore. Il mio è un sostegno pubblico, Gattuso è il migliore''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA