Ronaldo: Spiegel, centinaia di documenti a sostegno della violenza

Settimanale: "Non abbiamo motivo di credere non siano autentici". I legali del calciatore sostengono che sono stati manipolati o in alcuni casi costruiti ex novo. Real "Club non sapeva, nessuna pressione"

Der Spiegel, il settimanale tedesco che per primo ha pubblicato le notizie sull'accusa di stupro contro Cristiano Ronaldo da parte della modella statunitense Kathryn Mayorga, afferma di essere in possesso di "centinaia di documenti" a sostegno di quanto riportato e di "non avere motivo di dubitare della loro autenticità".

Ieri i legali del giocatore portoghese hanno sostenuto che i documenti citati dal settimanale sono stati manipolati o addirittura costruiti ex novo. Accuse respinte con decisione da Der Spiegel: "Non abbiamo motivo di credere che quei documenti non siano autentici". "Abbiamo controllato meticolosamente le nostre informazioni - aggiunge il giornale - sottoponendole anche al vaglio dal punto di vista legale". La Mayorga ha intentato una causa alla fine del mese scorso in Nevada, sostenendo di essere stata violentata da Ronaldo a Las Vegas nel 2009. La polizia ha riaperto un'indagine.

Real "club non sapeva, nessuna pressione" - Il Real Madrid non ha fatto alcuna pressione su Cristiano Ronaldo perché siglasse il patto di riservatezza con la modella americana di Kathryn Mayorga che ora accusa il giocatore di stupro. Lo afferma il club spagnolo, che in una nota parla di "informazione completamente falsa che intende danneggiare seriamente l'immagine del nostro club". E, smentendo di essere stato "a conoscenza del fatto relativo al giocatore", chiede "una rettifica totale" da parte dei media.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA