L'Udinese esonera Delneri, arriva Oddo

Salta dunque 4/a panchina in Serie A. Tecnico friulano esonerato dopo Rastelli, Baroni e Juric

L'Udinese ha esonerato Luigi Delneri. Lo rende noto la società precisando che è stato sollevato dall'incarico anche l'allenatore in seconda Giuseppe Ferazzoli. Massimo Oddo è il nuovo allenatore. Sarà presentato in conferenza stampa alla Dacia Arena di Udine e subito dopo dirigerà il primo allenamento al Bruseschi.

L'Udinese, in una nota, ringrazia Delneri e Ferazzoli "per la passione e la dedizione dimostrate ogni giorno in questi 13 mesi trascorsi sulla nostra panchina, e augura loro il meglio per il futuro".

L'esonero di Delneri è arrivato all'indomani della sconfitta per 0-1 subita in casa contro il Cagliari domenica pomeriggio, ma la panchina dell'allenatore friulano era già stata in bilico in altre occasioni in questo avvio di stagione contraddistinto da otto sconfitte in 12 giornate. L'aut aut al tecnico di Aquileia era già arrivato dalla società al termine della pesante sconfitta casalinga (2 a 6) del 22 ottobre contro la Juventus.

Delneri e i suoi ragazzi non potevano più sbagliare. Le due vittorie consecutive raccolte con Sassuolo e Atalanta hanno fatto rifiatare il tecnico. Ma l'involuzione, con la sconfitta subita domenica, ha dato la spallata definitiva al suo posto in panchina. La decisione del cambio di guida tecnica era nell'aria già nella giornata di ieri. E le parole rivolte da Delneri agli allenatori andati ieri sera ad ascoltarlo nello stage dell'Associazione Italiana Allenatori di Calcio a Udine hanno lasciato spazio a pochi dubbi. "Siate sempre coerenti con le vostre idee, proseguite sulla vostra strada, tanto se vi devono cacciare, vi cacciano comunque", aveva detto.

Con l'esonero di Gigi Delneri salgono a 4 le panchine saltate in Serie A nella stagione in corso. La prima è stata quella di Massimo Rastelli, esonerato dal Cagliari all'8/a giornata, sostituito con Diego Lopez. Poi, alla 9/a giornata, è stato il turno del Benevento che ha dato il benservito a Marco Baroni, l'artefice della storica promozione in Serie A, a cui è subentrato Roberto De Zerbi. Poi alla 12ma giornata è toccato al Genoa cambiare allenatore con Ivan Juric che ha lasciato il posto a Davide Ballardini.

I motivi dell'addio - Non solo le otto sconfitte in 12 gare. Non solo l'ultimo ko in casa domenica con il Cagliari. L'ormai ex tecnico dell'Udinese Gigi Delneri ha "pagato" anche le prestazioni poco convincenti della squadra da inizio campionato. Un mix di motivazioni che - parola del ds bianconero Manuel Gerolin - ha spinto il club friulano a voltare pagina in panchina. Via Delneri, dentro Oddo. "Personalmente e a nome della società ringraziamo Delneri per questo anno e qualche mese di lavoro con noi. A parte i risultati non eravamo contenti di come giocava la squadra, non si è espressa come doveva", ha spiegato Gerolin in conferenza stampa presentando il neo-acquisto Massimo Oddo. "Un allenatore alle prime armi" che l'Udinese seguiva "da un anno e mezzo, dai suoi primi passi nel Pescara" e non considera certo "una scelta azzardata; crediamo sia la persona giusta con un gruppo di stranieri e giovani che possono dare molto". La rivoluzione, nell'aria già da qualche tempo, è stata compiuta in poche ore, confezionata tra la serata di lunedì con l'arrivo a Udine di Gino Pozzo e del neo-tecnico e la prima mattinata di martedì, con l'annuncio dell'esonero di Delneri e poi l'ufficializzazione di Oddo, una volta limati gli ultimi dettagli. "Sono molto contento di questa opportunità" sono state le prime parole da neo-bianconero dell'ex tecnico del Pescara con un ringraziamento rivolto alla società e un pensiero al suo predecessore Delneri. "Ci sono passato. So che quando le cose non vanno chi paga è l'allenatore. Lo stimo molto". Un passato da calciatore con le maglie di Napoli, Lazio, Milan e Bayern Monaco, la coppa del Mondo alzata sotto il cielo di Berlino nel 2006, Oddo ha cominciato la carriera da allenatore nelle giovanili del Genoa per passare poi al Pescara con cui ha conquistato la promozione dalla serie B alla A, prima dell'esonero, il 14 febbraio 2017, a secco di vittorie sul campo. "Mi porto dietro l'etichetta di allenatore vincente in B e che non ha mai vinto in A". Un'etichetta che sulla panchina dell'Udinese cercherà di scrollarsi di dosso. Oddo ha chiuso un accordo di un anno, con opzione per il secondo. Lavorerà con il suo staff: Marcello Donatelli (vice) e Luciano Zauri (collaboratore tecnico). L'Udinese, dopo aver parlato con il nuovo tecnico, ha deciso di revocare il ritiro che sarebbe dovuto scattare in serata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA