Serie B: Perugia travolto al Curi da Pro Vercelli. Frosinone ko

Empoli, 3 gol e primato. Tutti i risultati dell'8/a giornata

Pescara-Cittadella 1-2  - Nel match lunch di mezzogiorno il Cittadella si conferma squadra da trasferta violando lo stadio Adriatico di Pescara per 2-1. È accaduto tutto nella prima parte di gara, grazie alle reti segnate da Adorni al 2' e Siega al 18' per gli ospiti, prima del gol segnato su rigore al 37' dall'abruzzese Benali. Nella ripresa Pescara generoso ma anche sciupone, con il finale che ha così premiato la squadra di Roberto Venturato che grazie al successo di oggi sale a quota 13 in classifica. Per il Pescara, che rimane a 10 punti, quella di oggi è la seconda sconfitta stagionale e la prima casalinga.

Novara-Frosinone 2-1  - La capolista Frosinone cade sul campo del Novara, che vince 2-1 nel posticipo serale di serie B. Le reti nella ripresa: i piemontesi passano in vantaggio al 6' col primo gol tra i professionisti del 19enne Chajia; il raddoppio arriva grazie all'autorete di Beghetto al 21'. Mister Corini manda in campo il Novara con un inedito 4-4-2, anziché il 4-3-3 visto fino ad ora, e la prestazione è stata davvero buona. Il primo tiro della squadra di Longo si è visto soltanto a metà ripresa. Il gol del Frosinone arriva a tre minuti dalla fine, con il portiere novarese Montipo' che devia nella propria porta i corner calciato da Soddimo.

Entella-Brescia 3-0 - Secondo successo consecutivo per l'Entella che batte il Brescia al Comunale di Chiavari: finisce 3-0 per i liguri che ottengono la terza vittoria in quattro gare. Mentre i lombardi interrompono una striscia di risultati positivi che durava dalla seconda giornata. L'Entella passa al 29' del primo tempo quando De Luca sfrutta al meglio un assist di Eramo. Il Brescia reagisce con un gran tiro di Bisoli ma Iacobucci neutralizza con bravura. Nella ripresa al 23' il raddoppio con una potente punizione di Brivio che viene deviata dalla barriera e il portiere Minelli non riesce ad intervenire (2-0). Gli ospiti hanno un'occasione importante con Rinaldi ma è bravo Iacobucci. Nel finale arriva il tris per i padroni di casa con La Mantia (al 43').

Empoli-Foggia 3-1 - L'Empoli torna alla vittoria dopo due sconfitte consecutive e lo fa battendo il Foggia al 'Castellani' per 3-1. Dopo un primo tempo tutto sommato equilibrato, con un leggero vantaggio territoriale dei pugliesi, i padroni di casa sono passati in vantaggio al 14' con Ciccio Caputo che poi ha raddoppiato al 21', affondando di fatto la squadra allenata da Stroppa. Il primo gol è arrivato da uno scambio fra Donnarumma e Pasqual, il cross basso del capitano ha trovato pronto alla deviazione sotto porta il bomber azzurro; la doppietta è arrivata su assist di Ninkovic che ha lanciato in velocità il centravanti il quale, di fronte a Guarna, lo ha infilato senza esitazione. Gara chiusa, ma il terzo gol di Donnarumma, colpo di testa su corner di Pasqual, ha dato la certezza del successo all'Empoli. Nel finale, al 37', il Foggia ha rialzato la testa con la rete di Mazzeo. Nonostante l'arrembaggio i pugliesi non hanno trovato altri gol e la squadra di Vivarini ha controllato il vantaggio fino al 93'. Per la squadra di Stroppa la sconfitta arriva dopo 4 risultati utili consecutivi. Azzurri in testa alla classifica con 14 punti (in attesa del Frosinone) e Caputo miglior marcatore della Serie B con 8 reti.

Palermo-Parma 1-1 - Pareggio casalingo contro il Parma per il Palermo di Tedino che rimane primo in classifica. Rosanero in gol al 9' con La Gumina, primo gol in campionato per il palermitano. Palla recuperata da Dawidowicz che finisce sui piedi dell'attaccante. Il bomber con un tiro a giro batte Frattali. Sempre La Gumina va vicino al raddoppio e poi ci pensa Pomini a tenere i rosanero avanti. Nella ripresa vicino al gol Dawidowicz che non riesce a mettere in rete un suggerimento di Coronado. Riesce a segnare invece il Parma con Gagliolo al 26'. Il difensore è bravo a sfruttare il cross di Scozzarella su punizione.

Cremonese-Ternana 3-3 - Pareggio a dir poco spettacolare allo stadio Zini tra Cremonese e Ternana. Finisce 3-3 in una gara piena di emozioni e di gol. Sono i padroni di casa a passare in vantaggio all'8' grazie a un calcio di rigore realizzato da Piccolo per fallo di Bleve su Cinelli. La Cremonese sembra controllare ma la Ternana cambia passo e tramortisce i grigiorossi. Varone colpisce la traversa da due passi al 22' ma i rossoverdi dominano e passano tre volte in 6'. Al 41' è Carretta a pareggiare, poi ci pensano al 44' Signorini e al 47' Albadoro di testa. La Cremonese nella ripresa tenta il tutto per tutto con tre attaccanti. Al 24' è Scappini che con un bellissimo gol di testa riapre la gara e al 42' Mokulu da due passi firma il 3-3. Nel recupero succede di tutto, con una punizione a due in area per la Ternana per retropassaggio sulla barriera e sulla ribattuta contropiede veloce della Cremonese che spreca il clamoroso 4-3 con Scappini che calcia alto da due passi. Finisce 3-3 tra gli applausi.

Bari-Avellino 2-1 - Il Bari ritrova gioco, solidità e vittoria al San Nicola, battendo per 2-1 l'Avellino davanti a 16mila spettatori. L'undici di Grosso, pur privo dei nazionali Gyomber, Capradossi e Basha, ha interpretato con grande intensità la gara, schierato con un efficace 3-4-3 con Cissè di punta, sostenuto da Galano e Improta: il successo cancella la prova scialba contro lo Spezia e rilancia le quotazioni dei pugliesi nelle zone nobili della classifica. Dopo un primo tempo equilibrato, con una occasione per Ardemagni e Molina alla mezz'ora e un incrocio dei pali di Galano allo scadere, nella ripresa la partita è diventata più combattuta. L'Avellino è passato in vantaggio al 20' con un sinistro di Kresic, ma dopo appena due minuti Improta ha pareggiato con un 'siluro' di destro dal limite dell'area. Al 26' l'arbitro Aureliano ha assegnato un rigore al Bari per fallo di mano di D'Angelo in area, trasformato un minuto dopo da Galano. Dopo il gol di Galano c'è stato qualche lancio di oggetti in curva sud tra i sostenitori avellinesi (oltre 1.200 tifosi nel settore ospiti) e quelli del Bari.

Perugia-Pro Vercelli 1-5 - La Pro Vercelli trionfa al Curi dove conquista tre punti importanti battendo 5-1 il Perugia. Subito concreta la squadra di Grassadonia, avanti già al 5' su calcio d'angolo cin un colpo di testa di Legati. Immediata reazione del Perugia, pericoloso in area piemontese con Di Carmine lanciato da Falco e Pajac. La Pro Vercelli gestisce meglio gioco e possesso palla, e dal 44' è anche in superiorità numerica per un rosso diretto a Pajac per una gomitata a Vajushi. Giunti nella ripresa schiera Buonaiuto per Mustacchio, e il Perugia al 68' riapre la gara con Belmonte, in rete di testa. Passano tre minuti, nuovo errore difensivo del Perugia e Pro Vercelli che sblocca con un colpo di testa di Castiglia, anche autore al 76' del momentaneo 3-1. La giornata d'oro dei piemontesi, che chiudono la gara senza il proprio tecnico in panchina, allontanato per proteste, finisce con un rigore trasformato da Vives e una rete di Morra in pieno recupero.

Venezia-Carpi 2-0 - Il Venezia batte in casa il Carpi 2-0. Le reti per gli undici guidati da Filippo Inzaghi sono state segnate al 37' da Davide Marsura e al 75' da Marco Pinato. Il Venezia conquista così i tre punti e stacca il Carpi in classifica. Anche nei tre precedenti incontri la formazione di Calabro non era riuscita a segnare in laguna.

Salernitana-Ascoli 0-0  - Finisce senza gol all'Arechi l'anticipo dell'8/a giornata fra Salernitana e Ascoli. Zero a zero fra due squadre che si sono affrontate a viso aperto, esprimendo a tratti anche discrete giocate. Le migliori occasioni nel corso dei 90' sono capitate sui piedi dei marchigiani che, nel primo tempo, hanno fallito un rigore. Parte bene la Salernitana che spinge sugli esterni. Rodriguez (5' pt) si fa vedere in area e riesce a segnare, ma la sua posizione è in netto fuorigioco. Poi è Sprocati a mettere in apprensione l'estremo difensore marchigiano con un tiraccio che sorvola la traversa. Anche Bocalon va in rete ma l'attaccante granata era finito in off-side. Si fa vedere l'Ascoli che con Rosseti (18' pt) si vede deviare il tiro da Mantovani in angolo. La compagine ospite ha l'opportunità di andare in vantaggio, grazie a un calcio di rigore al 25'. Dal dischetto va Rosseti ma il portiere lituano Adamonis, all'esordio tra i pali granata, para. Nella ripresa la musica non cambia, con la Salernitana che spinge senza ottenere risultati. 

Cesena-Spezia 1-0  - Fabrizio Castori bagna il suo ritorno sulla panchina del Cesena con una vittoria per 1-0 sullo Spezia al quale non basta Alberto Gilardino impiegato da Gallo per 20 minuti nella ripresa. Bianconeri che tornano al successo dopo tre sconfitte consecutive, una rete di Schiavone nel primo tempo basta a piegare una squadra, quella Ligure non in serata di grazia. Gallo che deve rinunciare a Pessina Giorgi e Capelli, in difesa si affida a Terzi come centrale mentre davanti ai due ex Marilungo e Granoche il compito di pungere con il campione del mondo Gilardino, arrivato in settimana, inizialmente relegato in panchina. Primo tempo senza emozioni fino al 32' quando un contropiede dei romagnoli costringe lo Spezia a rifugiarsi in calcio d'angolo. Dalla bandierina Laribi disegna una traiettoria sulla quale Bassi esce incerto, la palla finisce a Schiavone che infila la porta sguarnita. E i romagnoli portano a casa tre punti d'oro in chiave salvezza.

I RISULTATI DELL'8/A GIORNATA DI SERIE B

Pescara-Cittadella 1-2

Bari-Avellino 2-1

Perugia-Pro Vercelli 1-5

Venezia-Carpi 2-0

Empoli-Foggia 3-1

Palermo-Parma 1-1

Entella-Brescia 3-0

Cremonese-Ternana 3-3

Novara-Frosinone 2-1

Salernitana-Ascoli 0-0 (sabato)

Cesena-Spezia 1-0 (sabato)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA