Serie A: Milan Roma 0-2, giallorossi al quinto posto

S.Siro promuove Di Francesco, bosniaco dà lezione a André Silva

La Roma c'è, il Milan è ancora rimandato. Da San Siro esce la sentenza invocata da Di Francesco, la più temuta da Montella, alla 3/a sconfitta in 7 giornate di campionato. E' la meno meritata, tanto che a fine partita la società ha espresso subito massima fiducia nell'allenatore. Nello 0-2 finale c'è soprattutto la potenza Dzeko, che si costruisce il primo gol e fa una sponda da manuale nel raddoppio di Florenzi (al 27' e al 32' della ripresa), jolly di un attacco improvvisato causa infortuni. Un doppio colpo da ko a cui il Milan non reagisce, dopo una prova non particolarmente brillante ma nemmeno da buttare, che poteva finire altrimenti senza una prodezza di Allison su Bonucci, incerto in difesa ma in attacco più pericoloso di Kalinic e André Silva, coppia ancora senza feeling. Sotto gli occhi di Paul Singer, il proprietario del fondo statunitense Elliott che ha concesso il maxiprestito a Li Yonghong per comprare il Milan e al Milan per fare mercato, i rossoneri incassano un ko reso più pesante dai precedenti con Lazio e Samp. Montella ha due settimane per preparare la svolta nel derby o rischia di pagare per tutti la partenza falsa della rivoluzione varata dall'ad Fassone e dal ds Mirabelli per conto della proprietà cinese. Senza qualificazione alla Champions "saranno adottati piani alternativi, non è la fine del mondo", ha detto prima della gara Fassone, che intanto deve rinegoziare il finanziamento per rifinanziare il debito del club con il fondo Elliott e ottenere il voluntary agreement dalla Uefa.

Florenzi,avevo tanta voglia di fare questo gol - "Il Milan è e resta una grande squadra e lotterà fino alla fine per i primi posti. La Roma è da scudetto? Solo il tempo ce lo dirà, noi dobbiamo continuare con questa fame e questa voglia di vincere. Facciamo la corsa solo su noi stessi". E' un Alessandro Florenzi visibilmente soddisfatto quello che, dai microfoni di Premium Sport, commenta il successo della Roma a S. Siro contro il Milan. Tra i migliori in campo c'è stato anche Florenzi, che sembra tornato con ancora più stimoli dopo i gravi infortuni che ha patito. "Lo stimolo in più me lo dà il calcio - commenta il jolly romanista -. Avevo tanta voglia di fare questo gol, ma soprattutto di fare quello che amo, ovvero giocare a pallone"

Di Francesco "Vinto match importante" - "Abbiamo fatto una prova importante dal punto di vista mentale. Dovevamo rimanere in partita e l'abbiamo fatto perché poi il gol l'avremmo sicuramente trovato. Siamo stati bravi ad accelerare al momento opportuno. Siamo venuti qui per vincere e per rimanere attaccati alle squadre importanti". Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria dei giallorossi a San Siro. "Avere una gara in meno ci toglie qualcosa dal punto di vista psicologico - aggiunge Di Francesco riferendosi alla gara contro la Samp, rinviata per maltempo - ma negli ultimi giorni abbiamo vinto in trasferta in Champions e qui a Milano. Abbiamo concesso poco al Milan, stiamo crescendo in maniera generale". La Roma pronta per lo scudetto? "Noi siamo dietro gli altri e ci stiamo volentieri. Vogliamo guadagnare punti e crescere nelle prestazioni. Bisogna rimanere coi piedi per terra, consapevoli della nostra forza. La gara da recuperare? Magari quel riposo forzato ci ha giovato permettendoci di recuperare le energie per l'Atletico Madrid ma mentalmente non è stata un aiuto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA