Di Francesco: Con il lavoro miglioreremo

'Alisson determinante, paghiamo tourneé e condizione fisica'

Il pareggio è un risultato molto positivo, soprattutto per quello che si è visto nel secondo tempo dove, da un momento all'altro, sembrava potessimo prendere gol. Certo, c'era un rigore a nostro favore che non è stato concesso, ma nella ripresa non eravamo più lucidi, fisicamente siamo calati, per questo sono contento: la squadra ha retto, soffrendo. Era importante non perdere". Eusebio Di Francesco vede il bicchiere mezzo pieno dopo lo 0-0 dell'Olimpico con l'Atletico Madrid, nella prima giornata della fase a gironi della Champions League. L'allenatore dei giallorossi non nasconde, poi, il 'peso' di Alisson nel risultato finale. "È stato determinante, e mi auguro lo sia anche in altre occasioni, perché le grandi squadre hanno anche grandi portieri e noi ce lo teniamo stretto - le parole dell'abruzzese -. Abbiamo avuto nel finale un pizzico di fortuna, ma anche oggi abbiamo disputato un ottimo primo tempo, poi nella ripresa siamo calati anche nel palleggio, ho visto meno qualità. Sono stato costretto anche a cambiare sistema di gioco (passando dal 4-3-3 al 5-3-2), perché non riuscivamo più a contenere le loro folate. Poi, abbiamo ritrovato un po' di equilibrio. Bene quindi per 60', mentre dopo siamo andati in grande sofferenza". Dovuta a una stanchezza generale che in un certo senso sorprende lo stesso Di Francesco: "Me lo chiedo anche io perché non abbiamo ancora i 90' nelle gambe. Forse dipende dal fatto che siamo stati in tournee, non c'è stata grande continuità di allenamenti. Ma magari non è così negativo non essere ora al meglio. Cercheremo di migliorare la condizione fisica".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA