Insulti a terna, Messi rischia squalifica

Ingiurie a un assistente per dei falli subiti e non sanzionati

L'Argentina del calcio trema, perché Leo Messi rischia una lunga squalifica che lo costringerebbe a saltare quantomeno la prossima sfida contro la Bolivia, in programma nella notte: gli insulti a un assistente dell'arbitro nella partita contro il Cile non sono passati inosservati e la Fifa ha aperto un procedimento disciplinare. Secondo il Mundo Deportivo, la Federcalcio argentina ha presentato un ricorso d'urgenza. Messi, durante e alla fine del match contro i cileni, ha ingaggiato un duello verbale con la terna arbitrale brasiliana, apostrofandoli in modo pesante e offensivo. Il gesto della 'Pulce' sarebbe da ricondurre ad alcuni falli di gioco che non sarebbero stati sanzionati. Nel referto stilato a fine partita non è stato inserito nulla sul comportamento di Messi.
    Oggi, tuttavia, gli arbitri hanno fatto pervenire alla Conmebol un'estensione del resoconto. Se la Disciplinare della Fifa agirà nei suoi confronti, secondo La Nacion, Messi potrebbe essere costretto a saltare da due a quattro partite.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA