Cina: male investimenti sport all'estero

Banca centrale:"Non in linea con politiche,non portano benefici"

(ANSA) - MILANO, 10 MAR - Le autorità di Pechino non vedono di buon occhio gli investimenti cinesi nel calcio europeo, come ad esempio quello per l'acquisto del Milan che sta cercando di portare a termine fra varie difficoltà finanziarie Sino-Europe Sports, la società di Yonghong Li. La conferma di questo atteggiamento è arrivata dal governatore della Banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan, che, nella conferenza stampa a margine dei lavori del Congresso nazionale del popolo, ha difeso i recenti sforzi per frenare gli investimenti oltreconfine. "Alcuni soggetti hanno investito all'estero alla cieca e di fretta. Alcuni di questi investimenti all'estero non erano in linea con le nostre politiche e non hanno portato un tangibile guadagno per la Cina. Così penso che sia stato normale regolare questo aspetto - ha spiegato Xiaochuan, come riportano media cinesi e internazionali -. Gli investimenti che non rispettano le politiche industriali nazionali, come quelli nel mondo dello sport e dell'intrattenimento, non fanno bene alla Cina".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA