Collina, le partite dureranno di più

Con l'introduzione dell'ausilio video per gli arbitri. Cambiare regole fuorigioco e fallo di mano

"Dovremo abituarci a partite che durano di più" dei 90 minuti regolamentari di oggi con l'aggiunta di qualche spicciolo di tempo per il recupero. Lo ha detto Pierluigi Collina, selezionatore degli arbitri Uefa, a proposito del la decisione dell'International Board del calcio di introdurre dal 2017 un sistema video di sostegno agli arbitri per le decisioni importanti ("ma non chiamatela moviola, è una cosa diversa" ha detto Collina), "il tempo preso per vedere le immagini verrà annullato e quindi si recupererà". Collina tuttavia confida che il protocollo che regolamenterà l'uso di queste tecnologie saprà mantenere "la fluidità del gioco, che è una caratteristica specifica del calcio, cioè una gara con poche soste e poche pause. Ci sono state partite di rugby -ha aggiunto l'ex arbitro- che sono durate molto di più dei 40 minuti ufficiali del tempo".

"Prima o poi dovremo mettere mano a una modifica della regola del fuorigioco". Parola di Pierluigi Collina, ex arbitro e oggi selezionatore degli arbitri per la Uefa. Intervenuto a 'Radio anch'io lo sport', Collina ha sottolineato che la regola del fuorigioco "per come è applicata oggi crea problemi ai direttori di gara. Si tratta di centimetri per giocatori che a volte sono lontani anche 30 metri". Un'altra regola cui "mettere mano" è quella del fallo di mano "perchè oggettivamente in un calcio che è sempre più veloce, non è semplice per l'arbitro stabilire quel che è punibile e quel che non lo è"
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA