Candreva, liti con compagni sono normali

Giocatore Lazio, l'importante è poi chiarirsi

(ANSA) - ROMA, 3 MAR - "Tra compagni e allenatore ci sono incomprensioni durante allenamento e partita, l'importante è non andare oltre. Quando c'è rispetto ci si può sempre chiarire con una stretta di mano e finisce lì". Antonio Candreva prova a smorzare le polemiche su sue presunte liti all'interno dello spogliatoio della Lazio. E per farlo, ha scelto i giovani studenti dell'Istituto Alessi di Roma, in occasione della visita di stamane nell'ambito del progetto 'La Lazio nelle scuole'.
    "Un compagno - ha precisato rispondendo alla domanda di un bambino - si può arrabbiare con un altro perché non rispetta il gioco di squadra, può capitare. Per un'azione di gioco o per un fallo commesso, ma in campo tra compagni ci si può mandare a quel paese. Noi sappiamo che può accadere, l'importante poi è chiarirsi".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA