Parma: richiesta di sequestro a 735 mln

Ad avanzarla i curatori fallimentari. Decisione a metà marzo

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - Toccherà a metà marzo al Tribunale civile di Bologna dare il via o meno al maxi-sequestro conservativo di beni avanzato dai curatori fallimentari del Parma Fc. In tutto 735 milioni di euro di risarcimento divisi fra ex amministratori del club dichiarato fallito lo scorso 19 marzo e collegio sindacale.
    Oggi la "Gazzetta di Parma" pubblica l'elenco completo dei 17 ex amministratori finiti nel mirino dei curatori. All'ex presidente Tommaso Ghirardi e all'ex ad Pietro Leonardi viene richiesto un risarcimento di 60 milioni di euro a testa; stessa cifra per gli ex membri del Cda Susanna Ghirardi, Giovanni Schinelli, Alberto Volpi, Alberto Rossi e gli ex sindaci Mario Bastianon e Francesco Sorlini; 40 milioni per il sindaco Osvaldo Francesco Maria Riccobene; 35 per l'ex sindaco Maurizio Magri; 30 per i vecchi componenti del Cda Silvia Serena, Roberto Giuli, Giuseppe Scalia, Roberto Bonzi; 20 per l'ex membro del Cda Arturo Balestrieri e gli ex amministratori di Eventi sportivi spa Andrea Zaglio e Ottavio Martini.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA