Pogba a sostegno delle vittime di mine

Lo juventino partecipa al programma di Uefa e Croce rossa

(ANSA) - ROMA, 19 FEB - "Sono orgoglioso di chi ha il coraggio di non mollare e continua ad inseguire i suoi sogni anche se ha subìto gravi mutilazioni". Così lo juventino Paul Pogba che, martedì a Torino, sarà premiato per il suo sostegno al programma per la riabilitazione delle vittime delle mine antiuomo in Afghanistan, partnership tra Uefa e Croce rossa internazionale.
    "Sono una persona fortunata - ha detto Pogba a Uefa.com - Gioco a calcio e godo di buona salute. Ma ogni giorno penso alle persone sfortunate. Per me il calcio è l'amore della vita, mi ha permesso di realizzare ogni mio sogno, mi diverte e mi riporta il buonumore quando sono triste".
    L'impegno sociale di Pogba è riconosciuto anche dal presidente Andrea Agnelli: "Paul è un gran bravo ragazzo che, uscendo da un contesto sociale non semplicissimo, ha perseguito anzitutto il suo sogno di diventare calciatore e ci è riuscito egregiamente. E' ancora un ragazzo, ma sicuramente con gli anni limerà il suo carattere diventando un uomo, prima ancora che un calciatore".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA