'Blanc checca con Ibra', Psg sospende Aurier

Video inguaia il terzino ivoriano, che in serata chiede scusa

Dire qualcosa al proprio allenatore capita, qualcuno negli spogliatoi è arrivato anche alla mani - giorni fa Capello ha svelato di un 'match' avuto con Cassano quando era suo giocatore al Real Madrid - ma Serge Aurier, difensore del Paris Saint Germain, è andato molto oltre, dando della 'checca' a Laurent Blanc su Periscope. La società ha deciso di sospenderlo, anche se il giocatore ivoriano avrebbe fatto comodo martedì nell'andata degli ottavi di Champions League con il Chelsea, in quanto non contento di offendere con battute omofobe l'allenatore, Aurier ha anche preso di mira anche Zlatan Ibrahimovic e altri compagni di squadra. In serata, Aurier ha affidato a Canal+ un messaggio video per scusarsi, ma il club ha confermato al sospensione e annunciato l'avvio di una azione disciplinare Il giovane terzino della nazionale ivoriana era già incappato in un caso via social nel 2015, quando l'Uefa lo squalifico' per tre giornate per critiche offensive a un arbitro dopo un incontro di Champions, guarda caso proprio con il Chelsea. A

llora Aurier aveva preso le difese di Ibra, espulso durante la gara, postando un video su Facebook con dichiarazioni al veleno sull'arbitro olandese Kuipers. Quella esperienza non lo ha trattenuto però dal ripetersi in un video diffuso ieri notte su Periscope, l'applicazione video di twitter, in cui rispondeva a domande dei tifosi. Aurier ha definito il suo allenatore Blanc una 'fiotte' - l'equivalente di 'fighetta' o 'checca' - facendo pesanti allusioni a una relazione sessuale con Ibrahimovic, e ha criticato Sirigu. Solo in serata, Aurier ha cercato di mettere una pezza, ammettendo in un video di "aver fatto una grossa stupidaggine".

"Mi scuso con l'allenatore, il club, i miei compagni di squadra e anche con i tifosi. In particolare - affermato l'ivoriano - volevo scusarmi col coach. Lo posso solo ringraziare per tutto quello che ha fatto per me da quando sono arrivato a Parigi. Accetto tutte le sanzioni che il club vorrà impormi per questa storia, ho fatto un errore e sono imperdonabile e sono pronto a sopportare tutte le conseguenze". Secca la dichiarazione della società, che parla di "frasi chiaramente inaccettabili" e annuncia l'avvio di un procedimento disciplinare nei confronti giocatore, oltre alla sospensione cautelare. Intanto, ha approvato alla scelta del Psg il presidente del Lione, Jean Michel Aulas, che interrogato sulla vicenda ha preso le difese di Blanc. "Io avrei fatto lo stesso, è una vicenda grave. Spiace perchè quest'anno il Psg sembra in grado di vincere la Champions - ha detto Aulas in un video proposto su L'Equipe -, e questo fatto rischia di destabilizzarlo. Si ha l'impressione che ogni volta che il calcio francese possa avvicinarsi alla Coppa, un qualche evento indipendente dalla nostra volontà venga a turbarne l'unita'".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA