Napoli: Inler va al Leicester, e saluta con Pino Daniele

De Laurentiis, ci sarà una sorpresa di mercato

Il Napoli ha ufficializzato la cessione di Gokhan Inler al Leicester. Il 31enne centrocampista svizzero lascia il club azzurro per circa 7 milioni di euro e, secondo quando ha comunicato il Leicester, ha firmato un contratto triennale. "Grazie Gokhan per questi quattro anni in azzurro", ha scritto il Napoli sul proprio profilo Twitter, ufficializzando l'addio a Inler. 

Lettera addio Inler, Napul'è per promessa amore eterno  - "Cara Napoli, è difficile, tanto difficile dopo quattro anni... e allora ho pensato che forse è meglio salutarti così: chiedendo in prestito prima a zio Pino e poi a te, quello che la gente, la meravigliosa tua gente, ti canta ogni volta come una promessa di amore eterno...". Così Gokhan Inler comincia la sua lettera di addio al Napoli, dopo aver firmato il suo nuovo contratto con il Leicester. Il centrocampista svizzero ha pubblicato la lettera, e un video dei suoi momenti migliori in maglia azzurra, sui suoi profili sui social network. Dopo l'introduzione ha poi scritto i versi di Napul'è, di Pino Daniele, commentandoli. "Napul'è mille culure... Che io porterò ogni giorno nel cuore, nella mente e sulla pelle. Napul'è mille paure... Che impari ad amare e di cui non puoi più fare a meno. Napul'è a voce d'e criature che saglie chianu chianu e tu sai ca' nun si' sul... Ed è una sensazione unica questa voce che ti rapisce l'anima", si legge nella prima parte della lettera che si conclude con il verso "Napul'è tutto nu' suonno e a' sape tutto o' munno ma nun sann' a verità", che Inler commenta scrivendo "Io la so. L'ho scoperta, l'ho amata, l'ho chiusa a chiave nel cuore: ed è per questo che oggi i miei occhi sono bagnati da questo mare e sporcati da questa terra. Terra mia. Ciao guagliù, forza Napoli sempre". Inler era arrivato al Napoli nel 2011 dall'Udinese. In quattro stagioni ha giocato 166 partite tra campionato e coppe, segnando 13 gol e conquistando due Coppe Italia e una Supercoppa Italiana.

De Laurentiis, ci sarà una sorpresa di mercato  - "Stiamo lavorando per fare una sorpresa. Faremo un colpo entro il 31 agosto". Lo ha annunciato il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis facendo il punto del mercato azzurro a Radio Kiss Kiss Napoli, emittente ufficiale del club azzurro. "Il mercato non si è concluso - ha detto De Laurentiis - faremo ancora qualche innesto fino al 31 agosto. Ora ci concentriamo sulle uscite, non per un discorso economico ma di priorità: giusto per il rispetto dei giocatori. Una sorpresa? Assolutamente sì, con Giuntoli ci stiamo lavorando da due mesi. Ora, ripeto, ci dedichiamo alle uscite per i prossimi 4-5 giorni, adesso abbiamo piazzato Inler dopo 20 giorni". De Laurentiis ha anche smentito l'ipotesi di cessione di Mertens e Gabbiadini all'Inter: "Non c'è nulla di vero - ha detto - noi per il momento stiamo cercando di trattare soltanto le uscite che avevamo già ipotizzato e tra queste non ci sono gli attaccanti. Ora stiamo trattando le cessioni di De Guzman, Zuniga e vecchi amori del Napoli come i vari Dumitru ed Edu Vargas per il quale ci sono tre richieste. Per quanto riguardo l'Inter, sono seccato della voci attivate dall'agente di Mertens. Ora vedremo come i miei avvocati potranno agire. Ho chiamato l'Inter per chiedere come si permettessero di contattare il mio giocatore e sia Ausilio che l'allenatore hanno negato di aver avuto dei contatti diretti". Ultimo passaggio su Maksimovic e sul presidente del Torino Cairo che, secondo De Laurentiis, "spara cifre alte quando deve vendere, poi quando si tratta di comprare li valuta pochissimo". "Cairo mi è simpatico, come si dice a Napoli "ogni scarrafone è bell'a mamma soja" (anche lo scarafaggio è bello per sua madre, ndr) ma c'è un limite a tutto. Maksimovic non vale quelle cifre, è un buon giocatore. Ho ricevuto milioni di sms dai tifosi napoletani che mi esortano a non buttare quei soldi per lui. Poi una cosa è giocare a Torino con un modulo e un'altra a Napoli con Sarri".


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA