Sei Nazioni, con la Francia ancora un ko azzurro

Per l'Italia 24/a sconfitta di fila, ma stavolta almeno non sfigura

E' un'Italia dignitosa, certamente migliore di quella annichilita dal Galles otto giorni fa a Cardiff, ma non è bastata per battere la Francia. E' finita 35-22, confermando il pronostico dalla parte dei Coqs. Era scontato che finisse così, un po' meno il fatto che gli azzurri, dopo un inizio disastroso che aveva fatto temere il peggio (Zanni fuori per infortunio nel riscaldamento, Ntamack sulla piazzola dopo neppure tre minuti, poi due mete incassate nei primi 17'), riuscissero a reggere il confronto contro una Francia giovane, che ha concesso molto possesso ma è stata efficace.

Italia non travolta, dunque, ma la realtà dei fatti non cambia: dallo Stade di St. Denis arriva la notizia della 24/a sconfitta consecutiva dell'Italrugby nel Sei Nazioni, torneo in cui gli azzurri non vincono dal febbraio 2015. A Parigi, dove domenica scorsa era caduta l'Inghilterra vicecampione del mondo, l'Italia dimostra almeno di essere viva, dopo il 42-0 di Cardiff, con Polledri e capitan Bigi che si sacrificano placcaggio dopo placcaggio - oltre quaranta a fine gara tra flanker e tallonatore - e tutti gli uomini mandati in campo da Smith che mostrano di non avere alcuna intenzione di arrendersi
nemmeno quando la gara sembra compromessa.

La nota dolente è che anche oggi l'Italia ha incassato cinque mete, come in Galles, portando a 114 il totale subìto dal giorno del successo di Edimburgo ad oggi. Un trend che si spera di vedere interrotto sabato 22, all'Olimpico, contro la Scozia: sarà l'unica chance di successo nel Sei Nazioni 2020 (proibitive le altre sfide contro Irlanda e Inghilterra). Anche per smettere di dare fiato a certa stampa che chiede l'estromissione dell'Italia dal torneo dal 2024, quando scadranno i contratti in essere.

 

Il tabellino

Marcatori: p.t. 3’ c.p. Ntamack (3-0); 7’ m. Tomas (8-0); 17’ m. Ollivon (13-0); 24’ m. Minozzi tr. Allan (13-7); 28’ c.p. Allan (13-10); 32’ c.p. Ntamack (16-10); 38’ m. Alldritt tr. Ntamack (23-10); s.t. 18’ m. Ntamack (28-10); 24’ m. Zani tr. Allan (28-17): 34’ m. Serin tr. Jalibert (35-17); 39’ m. Bellini (35-22).


Francia: Bouthier; Thomas, Vincent, Fickou, Rattez; Ntamack (30’ s.t. Jalibert), Dupont (30’ s.t. Serin); Alldritt, Ollivon (cap.), Cros (20’ s.t. Woki); Willemse (3’ s.t. Taofifenua), Le Roux (30’ s.t. Palu); Haouas (19’ s.t. Bamba), Marchand (20’ s.t. Mauvaka), Baille. All. Galthiè.


Italia: Hayward; Bellini, Morisi, Canna, Minozzi; Allan (34' s.t. Bisegni), Braley (20’ s.t. Palazzani); Steyn, Negri (10’ s.t. Licata), Polledri (20’ s.t. Tuivaiti); N. Cannone, Budd (37’ s.t. Ruzza); Zilocchi (10’ s.t. Riccioni), Bigi (cap., 20’ s.t. Zani), Lovotti (10’ s.t. Fischetti). All. Smith.

Arbitro: Brace (Irlanda).


Note: giornata ventosa e fredda, 52.000 spettatatori circa.


Calciatori: Ntamack (Francia) 3/7; Allan (Italia) 3/4; Jalibert (Francia) 1/1.

 

Situazione alla 2/a giornata del torneo

Giocate sabato: Irlanda-Galles 24-14, Scozia-Inghilterra 6-13. Classifica: Francia e Irlanda 9 punti; Galles e Inghilterra 5; Scozia 2; Italia 0.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie