Rossi, ultimo anno Yamaha. 'Ma voglio continuare'

Il team ufficializza il divorzio, Quartararo dal 2021

Il 2020 sarà l'ultimo anno di Valentino Rossi nel team ufficiale Yamaha della MotoGP, ma il pilota italiano e' intenzionato a correre anche nel 2021, se ci saranno le condizioni: ora è arrivata anche l'ufficialita' della casa giapponese che ha messo a disposizione di Rossi una moto del team satellite Petronas.

"Il mio primo obiettivo è essere competitivo quest'anno e continuare la mia carriera come pilota MotoGP anche nel 2021 - dice Rossi - Prima però devo avere risposte che solo la pista e le prime gare possono darmi". La decisione sarà presa a meta' della prossima stagione.

Dal 2021 Fabio Quartararo affiancherà Maverick Vinales alla guida della Yamaha ufficiale nel campionato motogp. Lo ha annunciato la casa di Iwata il giorno il rinnovo dello spagnolo per altre due stagioni.

"Siamo molto felici di accogliere Fabio nel Yamaha Factory Racing MotoGP Team per il 2021 e 2022 - le parole di Lin Jarvis, Direttore di Yamaha Motor Racing- I suoi risultati in MotoGp nel corso del suo anno d'esordio sono stati sensazionali. Per la prossima stagione avrà a disposizione una moto factory YZR-M1 e riceverà il supporto totale da parte di Yamaha. Fabio ha solo 20 anni ma ha già dimostrato grande maturità in pista e fuori, siamo entusiasti di averlo in squadra nel 2021. Fabio e Maverick daranno grande motivazione a tutti noi nel Yamaha Factory Racing MotoGP Team per continuare a sviluppare la YZR-M1 e segnare nuove pietre miliari nel mondiale MotoGP".

Soddisfatto il francese: "Sono davvero felice. Lavorerò duramente così come ho fatto l'anno scorso e sono estremamente motivato. Penso che la pausa invernale sia troppo lunga, sono molto emozionato all'idea di andare a Sepang per i prossimi test e poter così provare la nuova YZR-M1, incontrare e lavorare con la mia squadra. Voglio ringraziare YMC e Petronas Yamaha Sepang Racing Team per avermi dato la possibilità di arrivare in MotoGP nel 2019. Darò il massimo per renderli di nuovo orgogliosi di me".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie