Sport: Valente, stop Iva su didattica per agevolare pratica

Deputato, attività da agevolare perché centrali per cittadini

(ANSA) - ROMA, 02 DIC - "Le associazioni sportive così come le società sportive, per finire agli utenti, devono essere messi nelle condizioni di fare pratica sportiva senza aggravi fiscali e burocratici". Così il deputato del M5s Simone Valente commenta la notizia della correzione dell'articolo 32 del decreto legge del Governo che di fatto ha scongiurato l'aumento dell'Iva per le attività didattiche sportive.
    "Grazie ai colleghi Barelli e Mariani per il prezioso lavoro svolto insieme. Il Parlamento ha così dimostrato di esser vigile e attento allo sport italiano", aggiunge Valente in una nota.
    "Il M5s - prosegue l'ex sottosegretario ai rapporti con il Parlamento - attraverso l'emendamento inserito nel Dl Fiscale per evitare che associazioni e società sportive dilettantistiche pagassero l'Iva sulle attività didattiche, porta avanti una grande battaglia culturale che passa attraverso un principio importantissimo: queste attività devono essere agevolate a livello fiscale e burocratico perché sono centrali per la vita e il benessere dei cittadini".
    "Questo il fulcro del nostro lavoro corale che ha portato alla correzione dell'articolo 32 del Dl Fiscale con l'emendamento del relatore - conclude Valente - grazie al quale è stato eliminato questo rischio che avrebbe messo in ginocchio il sistema sportivo". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA