Ricci Bitti, sanzioni Cio improbabili

Presidente Asoif ridimensiona, "il problema è di rapporti"

(ANSA) - ROMA, 7 AGO - "Il problema non sono le sanzioni, che per ora sono altamente improbabili. Il vero punto di caduta di tutta questa vicenda sono le relazioni tra il Cio e l'Italia.
    Avere rapporti buoni con il Comitato olimpico internazionale o averne di pessimi fa una grande differenza. Si tenga contro che il contributo per i Giochi può arrivare a un miliardo di dollari, ma ci può essere una grande differenza se il Cio è bene o mal disposto verso un Paese...". E' il parere sulla questione della legge sullo sport espresso al telefono con l'ANSA dal presidente dell'Asoif ed ex membro Cio Francesco Ricci Bitti, una delle persone più vicine alla 'macchina' del Comitato olimpico internazionale. "A mio parere, ora quel che succederà - conclude - è che il Cio darà un seguito costruttivo a questa lettera, con la convocazione di riunioni a Losanna, come è stato fatto per altri casi, dove saranno invitati esponenti del governo. Ma ripeto, il problema vero a questo punto sono quelle che saranno le relazioni tra il Cio e l'Italia".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA