Sabelli, sport e Coni sono élite Paese

'Salvare quanto di buono c'è, ma mandato vuole discontinuità'

(ANSA) - ROMA, 16 MAG - "Se si è cambiato qualcosa da cambiare c'è, ma quante sono le cose che nel Paese vanno meglio dello sport? Io non lo so, ma da cittadino se penso a scuola, sanità, infrastrutture, servizi, uno dice 'beh, il Coni, lo sport italiano stanno per storia, tradizione, prestigio e risultati nell'élite mondiale e spesso in posizione di eccellenza". Lo dice il presidente di Sport e Salute, Rocco Sabelli, nel suo discorso di presentazione ai membri del Consiglio nazionale del Coni. Nonostante "il primo obiettivo sia preservare tutto quel che di buono si trova", il nuovo n.1 della società pubblica evidenzia che "tuttavia, è chiaro che c'è una dichiarata volontà politica di introdurre discontinuità in Sport e Salute. E questa discontinuità io cercherò di applicarla: c'è un compito e quel compito io intendo svolgerlo".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA