Gioia Tortu, per mio padre e atletica

"Lavorato tanto per questo record, ora fatemelo metabolizzare"

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - "E' una gioia incredibile, anche se avrò bisogno di qualche ora per metabolizzare questo risultato: ho lavorato molto e con costanza per arrivare qui e sono felice per me, per l'atletica italiana, per mio padre e per tutti quelli che mi hanno sostenuto". Filippo Tortu ha l'adrenalina da record nello spiegare all'Ansa la felicità dell'impresa compiuta battendo il primato italiano di Pietro Mennea sui 100 e diventando il primo azzurro a correre sotto i 10 secondi. "Ci tengo a ringraziarli tutti - aggiunge il neo-primatista -: Salvino Tortu, mio padre e allenatore, Flavio Di Giorgio, il preparatore atletico, Mario Ruggiu e Alessandro Pozzi, fisioterapista, Ferdinando Savarese, Chiara Signorotto, Marcello Magnani e Natale Bellati. Sapevo di potercela fare, ma per me il record di Mennea è sempre rimasto un sogno da quando ero bambino e adesso sono veramente felice. L'obiettivo della stagione restano gli Europei, adesso cercherò di non pensare al tempo che ho fatto e mi concentro su Berlino".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA