Italia-Fiji, Parisse: 'Sfida dura, serve partire bene'

Capitano: 'Gruppo è entusiasta e motivato, dobbiamo dimostrarlo'

 "La partita di domani è la più difficile di novembre. Sappiamo come gioca l'Argentina, conosciamo il rugby del Sudafrica: da Fiji non sai mai cosa aspettarti, sono molto liberi sul campo e ogni disattenzione difensiva, contro di loro, può essere pagata a caro prezzo". Il capitano dell'Italia, Sergio Parisse, non fa sconti presentando il primo dei tre test match autunnali, in programma tra 24 ore al 'Massimino' di Catania. "Rispetto al passato hanno dato maggiore organizzazione al loro gioco, - illustra ancora in conferenza stampa - sono più preparati di prima ed hanno imparato ad essere dominanti anche nelle fasi statiche, che hanno costituito in passato il loro punto debole". Insomma, un'avversaria dura per una squadra in qualche modo 'sperimentale'. "Questi test - prosegue Parisse - costituiscono un'opportunità per il Ct di vedere volti nuovi a questo livello e le premesse sono positive. Sento il gruppo entusiasta e motivato, abbiamo lavorato bene : ora è tempo di confermare tutto sul campo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA