Maura Viceconte si è uccisa in Valle di Susa

Specialista di corsa di lunga durata in pista e di maratona, si è impiccata a Chiusa di San Michele,

Una notizia terribile, che questa volta colpisce l'atletica e che ricorda i casi nel calcio di Robert Enke e Gary Speed, rispettivamente portiere della nazionale tedesca e ct del Galles. Maura Viceconte, 51 anni, azzurra all'Olimpiade di Sydney 2000 e tuttora primatista italiana dei 10.000 metri, ha fatto come loro: si è suicidata. La conferma è arrivata dai carabinieri della compagnia di Susa che hanno trovato il corpo dell'atleta nel pomeriggio di ieri, 10 febbraio. La stesse fonti precisano che si è impiccata, particolare terribile che accomuna ancor di più la sua storia a quella di Speed.

Della Viceconte si sa che "dovette confrontarsi per lunghi anni con la malattia" come ha ricordato la Fidal che piange la scomparsa di un'atleta che ha rappresentato a lungo l'Italia tra gli anni '90 e primi anni 2000. Bronzo agli Europei di Budapest 1998, la piemontese di Susa, oltre a detenere tuttora il primato nazionale dei 10.000 metri, è stata capace di imporsi in numerose maratone di rilievo, cogliendo successi a Venezia, Montecarlo, Carpi, Roma, Vienna (quando corse in 2h23:47, all'epoca record italiano), Praga e Napoli.

Terminata la carriera agonistica, Maura Viceconte aveva dovuto 'combattere' per la propria salute, ma lo scorso novembre aveva promosso e fatto proiettare a Villar Dora un docufilm sulla sua vita e la sua carriera, "La vita è una maratona - La corsa il modo di vivere", realizzato dal regista e amico Luigi Cantore, che le aveva permesso di tornare a confrontarsi con amiche e avversarie del tempo. Quel giorno era apparsa felice, adesso invece c'è solo il silenzio. Di sicuro c'è che, in campo sportivo, come scrive la Fidal, la sua è "un'eredità che andrà sicuramente raccolta, anche se al momento a prevalere è un senso di tristezza infinita".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA