• Serie A: Roma Milan 0-2. Fassone, bravo Gattuso ci ha sorpreso

Serie A: Roma Milan 0-2. Fassone, bravo Gattuso ci ha sorpreso

Ad del Milan: 'Con lui rapporto molto bello, per il futuro vedremo'

"Gattuso ha fatto le cose semplici che un allenatore con più esperienza di lui probabilmente avrebbe fatto. Ha certamente del talento e forse nemmeno noi ci aspettavamo che la squadra riprendesse così velocemente quell'assetto che sognavamo questa estate". Marco Fassone, ad del Milan, ospite di 'Radio anch'io sport', rende omaggio al lavoro del tecnico dopo la vittoria sulla Roma. Alla domanda su un possibile prolungamento del contratto, ha risposto: "Con Rino c'è un rapporto molto bello, ma in questo momento anche per ragioni scaramantiche preferiamo non parlare del futuro".
Fassone ha reso omaggio "all'intelligenza di Mirabelli nello spingermi a sostituire Montella con Gattuso, a prenderci questo rischio calcolato. Anche Cutrone è una sorpresa, siamo stato bravi a non prestarlo ai tanti che la scorsa estate ce lo chiedevano - ha aggiunto - Ma ancor più sorprendente è la velocità con cui Gattuso ha saputo dare un'identità alla squadra, creare un gruppo, motivarli. Poi si sa che vincere aiuta a vincere".

Il Milan non si ferma più e sbanca l'Olimpico nel posticipo serale, battendo la Roma per 2-0 con due gol italiani, di due ragazzi cresciuti nel vivaio: Cutrone e Calabria. Così ora la squadra rinata da quando sulla panchina rossonera c'è Rino Gattuso è a sette punti dalla zona Champions, ovvero dai 'cugini' dell'Inter, ora quarti, contro cui giocherà il derby domenica prossima. La Roma rimane a 50 punti ma scende al quinto posto, e per Di Francesco sarà una settimana di polemiche anche roventi. Intanto per i giallorossi ci sono stati i fischi della tifoseria. Rossoneri raggiungono Samp a 6/o posto a -7 da zona Champions.

Di Francesco, una sbandata che fa preccupare - "Nella ripresa abbiamo sbandato dopo il gol preso, mentalmente e fisicamente e questo fa preoccupare. E' ovvio che questo è un campanello d'allarme". Dai microfoni di Premium Sport, Eusebio Di Francesco analizza la brutta prova della sua Roma, sconfitta in casa dal Milan. "Nel primo tempo la squadra ha fatto una buona partita, concedendo poco o nulla al Milan, mentre nella ripresa abbiamo sbandato - dice ancora -. Non possiamo essere contenti del nostro momento e di questa partita in particolare. Sono dispiaciuto soprattutto per la prestazione del secondo tempo, al di là del risultato, perché abbiamo i mezzi per fare molto meglio. Sicuramente dimostriamo di non essere una grande squadra e, sarà colpa dell'allenatore. Abbiamo difettato di personalità nel momento del bisogno: il calcio è fatto di episodi e noi dobbiamo essere bravi a portarli dalla nostra parte, o, quando questo non avviene, a reagire in caso di svantaggio". Perché la scelta di Schick unico centravanti? "A tratti ha fatto buone giocate, ma nel complesso generale non ha determinato come avremmo voluto - ammette Di Francesco -: è un ragazzo giovane a cui va dato tempo, nessuna bocciatura anche perché è il contesto generale che oggi è andato a scemare. La responsabilità me la prendo io, come successo per la ripresa della sfida in Ucraina: non possiamo permetterci passi falsi come questo. Ora dobbiamo solo stare zitti e continuare a lavorare". Ora si sente in discussione? "Sono il primo responsabile, quindi mi sento sempre in discussione, ma fa parte del mestiere dell'allenatore dal primo giorno che siede su una panchina". Come giudica la prova di Nainggolan? "Forse non sta attraversando il suo miglior momento, ma abbiamo bisogno di lui, della sua qualità: oggi ha perso un dente dopo uno scontro di gioco e non si sentiva tanto bene".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA