• Figc, Stirpe: "Niente ribaltoni domani, servono Lega A e B"

Figc, Stirpe: "Niente ribaltoni domani, servono Lega A e B"

N.1 Frosinone "Non è cacciando Tavecchio che problemi risolti"

 "Il Consiglio Federale della Figc di domani deve costituire una pietra miliare per la riforma del calcio italiano ma, detto questo, penso anche che per prendere delle decisioni non si possa prescindere dalle due maggiori Leghe, quella di B e quella di A": per cui - dice all'Ansa, il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe, "prima di assumere ogni decisione si dovrebbe attendere l'appuntamento di giovedì della Lega di Serie B ma anche il rinnovo della governance della Serie A, altrimenti - aggiunge il dirigente ciociaro - si rischia che il Consiglio federale decida rimedi peggiori dei mali". Se il presidente dell'Entella ha chiesto di posticipare ogni decisione di "sette giorni" per consentire l'elezione della nuova governance della serie cadetta, Stirpe dice che "fosse per me andrei anche oltre come orizzonte temporale, ossia aspettare e attendere con pazienza che anche la Lega di A rinnovi il suo 'governo'. Inutile prendere decisioni di parte, giustizialiste e non ragionate - insiste il presidente del Frosinone - mentre bisogna aprire un profondo dibattito all'interno del mondo del calcio. Inutile chiedere la testa di una persona, quando invece ci sono responsabilità collettive e gravi che solo un dibattito a tutto campo può risolvere". Quindi, conclude Stirpe, "per domani non auspico alcun ribaltone, in questo momento non si risolvono i problemi cacciando Tavecchio". 

Balata:"Domani niente riforme senza Lega A e B" - "In una fase come questa in cui si stanno ricostituendo gli organi della Lega di A e della Lega di B, che sono componenti fondamentali del calcio italiano, appare non opportuno, nè utile affrontare temi che attengano alle riforme che riguardano anche le componenti fondamentali del calcio". Così il commissario della Lega di B, Mauro Balata, all'Ansa, in vista del Consiglio Federale della Figc di domani, conseguente alla mancata qualificazione degli azzurri al Mondiale. "Occorre prima che si ricompongano gli organi, dopo di che si affronterà tutto il maniera compiuta - aggiunge il dirigente -. Non è che si può discutere di questioni di riforma che coinvolgono le due maggiori Leghe, senza che esse siano rappresentate. Insomma, senza punti di riferimento, è prematuro aprire una crisi: sarebbe come farlo al buio". 

Gozzi:  "Rinviare 7 giorni discussione in Consiglio"  - "Non si può affrontare la discussione su un programma di rilancio del calcio italiano senza la partecipazione della Lega di Serie A e di Serie B che di questa riforma dovranno essere protagoniste con le altre Leghe". A dirlo è il presidente Entella, Antonio Gozzi, alla vigilia del consiglio federale della Figc di domani, facendo eco a quanto sottolineato dal commissario della Lega di B, Mauro Balata. "Come Lega di B - aggiunge Gozzi - tenuto conto che giovedì prossimo eleggeremo il nuovo presidente che siederà in Consiglio Federale, chiediamo di posporre la discussione di una settimana in modo da consentire la nostra partecipazione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA